Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Salvini contro la rom "milanese": "Fottutissima zingara, ti radiamo al suolo la casa" (e la gente esulta)

Il ministro dell'Interno ancora contro la donna che gli aveva "augurato" un proiettile

 

Altro round di quella che sembra ormai una lotta senza quartiere tra il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, e la nomade residente nel campo rom di via Monte Bisbino a Milano, che - intervistata da Il Giornale - aveva augurato un proiettile in testa al numero uno del Viminale. 

L'ultima pagina dello scontro l'ha scritta martedì sera Salvini durante un comizio ad Arcore. I toni, come già accaduto nei giorni scorsi, sono stati fortissimi. Parlando dei rischi del suo mestiere, il leader della Lega ha detto di essere consapevole che avrebbe avuto contro la malavita e la criminalità organizzata, ma - ha sospirato - "la zingara...".

"Sta fottutissima zingara..."

Quindi ecco l'attacco vero e proprio: "Solo in Italia una che è agli arresti domiciliari, che vive in una casa abusiva in un campo rom abusivo, può minacciare di morte dicendo 'ti meriti un proiettile', il ministro dell’Interno. Ma per i giornalisti il problema non è sta fottutissima zingara ma il ministro dell’Interno". 

E ancora, tra gli applausi, le grida di approvazione della folla e il suono delle trombe da stadio: "Ma io vi do la mia parola che quella casa abusiva la radiamo al suolo per rispetto degli italiani che rispettano la legge". 

"Oltretutto con la giustificazione del marito di sta signora, sta zingaraccia - termine che già aveva suscitato altre polemiche - che ha detto «no, non potete abbattermi la casa perché è frutto di anni di furti», Ma voi - ha concluso Salvini - ve lo vedete in Svizzera, Australia, Stati Uniti, Canada, uno che è lì e che si è giustificato così". 

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento