Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, corteo degli studenti in centro: scontri con la polizia, occupato il McDonald's | Video

 

Corteo movimentato quello di venerdì mattina a Milano, dove più di mille studenti hanno manifestato in centro per dire no alla buona scuola del governo Renzi e alla riforma costituzionale voluta e promossa proprio dal Premier

Nei pressi della sede di Assolombarda, in zona Missori, i manifestanti hanno cercato di superare le transenne sistemate dalla polizia, che ha immediatamente reagito con una carica di alleggerimento. Ne è nato un breve scontro tra le due fazioni, nel quale comunque non dovrebbe essere rimasto ferito nessuno. 

Dopo le tensioni, il corteo - partito alle 9.30 da largo Cairoli e organizzato da Casc Lambrate e Rete studenti Milano - ha ricominciato a marciare, passando sotto il consolato turco, dove è stata manifestata solidarietà nei confronti del partito di sinistra Hdp. I ragazzi hanno affisso striscioni, poster con la faccia di Erdogan e acceso un paio di fumogeni. 

Gli stessi studenti, come già successo nel weekend, hanno messo nel mirino anche McDonald’s che, secondo loro, è una delle aziende che maggiormente beneficerà dell’alternanza scuola lavoro istituita proprio dalla riforma del governo Renzi.

“Lo scorso mese - hanno urlato i giovani, che hanno occupato il fast food in piazza Duomo - il Miur ha stretto un accordo con Mc Donald’s, una delle più grandi multinazionali, che fornirà diecimila posti di lavoro agli studenti. Questo è per noi amorale è inaccettabile. Sfruttatori!”. 

Il corteo, che ha attraversato diverse strade del centro, ha naturalmente paralizzato il traffico. 

Video e foto di Milano inMovimento

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento