Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Milano, il commovente incontro tra madre e figlia nella stanza degli abbracci della RSA. Video

I pensionati della SPI Cgil hanno donato la struttura gonfiabile all'istituto Redaelli di Vimodrone

 

Lacrime e sorrisi, ma soprattutto quell'abbraccio che mancava da ormai più di un anno. Protagoniste della storia un'anziana ospite della RSA Redaelli di Vimodrone (MIlano) e la figlia, che dopo mesi, grazie alla stanza degli abbracci donata dalla SPI Cgil, hanno potuto finalmente tenersi per mano e sentire un po' di quel calore umano negato loro dall'emergenza Covid.

"Mi è mancato moltissimo poter toccare mia figlia,  Non vedere lei e mio nipote di 13 anni è la cosa che mi è pesata di più in tutto questo periodo. È stata davvero una grande emozione", racconta l'anziana nonnina dopo aver incontrato la figlia nella struttura gonfiabile allestita nell'auditorium dell'istituto. "Per i nostri ospiti - spiegano i dirigenti della Redaelli - l'isolamento è stato davvero duro, sia fisicamente sia psicologicamente. Questa stanza degli abbracci è un primo passo per tornare alla normalità e lasciarci alle spalle questa maledetta pandemia".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento