rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021

Studenti occupano le aule vuote della Statale: "Da quando c'è il Covid non sappiamo più dove studiare"

Il gruppo 'Ecologia politica', che già la scorsa primavera aveva protestato contro la carenza di spazi a causa delle restrizioni, ha rioccupato alcune aule inutilizzate dell'Università degli Studi di Milano

Lo scorso maggio avevano occupato il Chiostro della Ghiacciaia all'Università statale di Milano, protestando contro la carenza di aule per lo studio a causa delle restrizioni Covid. Oggi, a 6 mesi di distanza, gli studenti del gruppo 'Ecologia politica' tornano a farsi sentire rioccupando quegli stessi spazi che nel frattempo, durante l'estate, erano stati sgomberati.

"Da mesi ormai chiediamo un'interlocuzione con il Rettorato dell'Università, ma non abbiamo mai avuto risposta - spiega Sabina Ndreaj, di 'Ecologia politica' - Il problema è sempre lo stesso: da quando c'è il Covid i posti in cui studiare sono ridotti all'osso. Le biblioteche e le aule studio sono chiuse o contingentate, e così noi studenti dobbiamo arrangiarci dove si può. Tutto questo al netto del fatto che le tasse universitarie sono rimaste invariate, se non addirittura aumentate".

Video popolari

Studenti occupano le aule vuote della Statale: "Da quando c'è il Covid non sappiamo più dove studiare"

MilanoToday è in caricamento