Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vaccino antinfluenzale: "Lombardia ancora in ritardo, così rischiamo il caos sanitario"

A Milano il consigliere regionale di +Europa Michele Usuelli presenta una mozione (bocciata) per far vaccinare anche gli operatori sanitari del settore privato

 

Nove gare d'appalto andate a vuoto, e così in Lombardia i vaccini contro l'influenza ancora nono sono arrivati. A denunciarlo è il consigliere regionale di +Europa Michele Usuelli, che intervistato da Miano Today spiega i motivi (e le possibili conseguenze) di un ritardo che sta ormai diventando una vera e propria corsa contro il tempo.

"Il ministero della Salute ha detto alle Regioni di iniziare le vaccinazioni ai primi di ottobre - spiega Usuelli - Nonostante questo Regione Lombardia è ancora in ritardo sull'approvvigionamento delle dosi necessarie per vaccinare i lombardi e stiamo seriamente rischiando che i vaccini arrivino fuori tempo massimo. La conseguenza potrebbe essere un caos sanitario in tutta la regione, poiché i sintomi dell'influenza e quelli del Covid-19 non sono distinguibili e rischiamo di avere una sacco di gente sottoposta a tampone per un semplice raffreddore, con i laboratori per le analisi completamente intasati a causa dell'altissimo numero di test da vagliare".

Caos anche sulle categorie da vaccinare per prime. Durante il consiglio regionale di martedì 6 ottobre, infatti, +Europa ha presentato una mozione per chiedere che anche gli operatori sanitari del settore privato siano tra i primi a ricevere il vaccino, mozione tuttavia bocciata in sede di votazione: "Quelli che durante il lockdown erano considerati eroi, poi di fatto non sono stati trattati come tali. Escludere quegli operatori sanitari dalle categorie con precedenza significherebbe esporre i pazienti degli ospedali privati a un altissimo rischio di contagio".

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento