Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Vestiti usati destinati ai poveri rivenduti da una Onlus. Parlano gli investigatori

 

Due in carcere, tre ai domiciliari e sei con l'obbligo di dimora. Sono questi i numeri dell'operazione condotta dai carabinieri del Nucleo operativo ecologico e della Tutela ambientale in seguito all'indagine coordinata dalla Dda di Milano (Alessandra Cerreti e Ilda Boccassini).

Dietro le sbarre sono finiti Carmine Scarano, cinquantasei anni, che materialmente gestiva tutto il traffico illecito di "rifiuti" (come sono considerati i vestiti usati), titolare della Nuova Tessil Pezzame Sas di Solaro (Milano), e Guglielmo Giusti, sessant'anni, vice presidente della Onlus con sede nella sua abitazione di Savona.

Le immagini del blitz

Posizionavano i cassonetti per la raccolta dei vestiti usati, con il marchio della Onlus L'Africa nel Cuore, ma nessuno di quegli abiti andava in beneficenza, bensì venivano rivenduti in Campania e in Tunisia e destinati al mercato degli abiti usati.

Potrebbe Interessarti

Torna su
MilanoToday è in caricamento