menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
ISS Abbiategrasso (foto Fb/Leonardo Titone)

ISS Abbiategrasso (foto Fb/Leonardo Titone)

Abbiategrasso (Milano), si sente male durante la lezione: morto professore

Massimo Conalbi, che era anche vicepreside dell'Istituto Alessandrini, è deceduto poco dopo l'arrivo in ospedale

Stava facendo lezione ai suoi studenti in aula, come sempre, quando all'improvviso si è sentito male, morendo poco dopo l'arrivo in ospedale. L'accaduto nella mattinata di giovedì 4 marzo all'Istituto Alessandrini di Abbiategrasso dove a morire a causa di un malore risultato fatale è stato il 60enne professore di elettronica e vicepreside, Massimo Conalbi.

Sul posto, dopo che è stato lanciato l'allarme, sono accorsi ambulanza del 118 ed elisoccorso. Ma purtroppo i tentativi di salvare il docente, soccorso in condizioni gravissime, si sono rivelati vani: l'uomo è spirato poco dopo il trasporto in elicottero all'ospedale Humanitas di Rozzano, in codice rosso.

Lutto a scuola

Dopo la triste notizia della scomparsa del professore è lutto all'Iis Alessandrini. "È con dolore che annuncio la scomparsa improvvisa del prof. Massimo Conalbi - ha scritto sul sito della scuola il preside Michele Raffaeli -. Mi sento scosso come tutta la comunità scolastica in questo momento. Abbiamo rispettato un minuto di silenzio prima della fine delle lezioni; i ragazzi e il personale tutto sono usciti chi in lacrime, chi incredulo per l’accaduto". 

"Il prof. Conalbi non solo era il 'vicepreside': il suo lavoro, le sue parole e la sua esperienza erano fonte per me di ispirazione e consiglio - ha continuato il dirigente -. Era il punto di riferimento di tutti, docenti, personale scolastico e studenti; da lui passavano tutti i ragazzi, quelli che erano in ritardo così come quelli che avevano bisogno di conforto per una interrogazione andata male. Massimo era una persona buona e generosa, capace di misurare le parole, di prendere decisioni per il bene della scuola e degli alunni. Ha dedicato la vita all’Istituto Alessandrini e anche oggi era lì al suo posto".

"Rimane una grande eredità professionale e il vuoto pesante per la perdita di un collaboratore e di un amico - ha chiosato Raffaeli -. La comunità scolastica si stringe intorno ai suoi famigliari e a tutti coloro che ne avevano conosciuto le doti di umanità, di disponibilità e dedizione al lavoro".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    La Lombardia vuole il tampone salivare per tutti

  • Coronavirus

    Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento