rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Forze Armate Baggio / Via Creta

Vive in alloggio popolare ma ha venti automobli: sgomberata

57 anni, con precedenti per truffa e furto, viveva in un alloggio popolare di Baggio. Tirava avanti con gli illeciti, ma a nome suo aveva intestate una ventina di auto. De Corato: "Il comune si concentra sui quartieri più critici della città"

Origine bosniaca, 57 anni, quattro figli spesso in carcere, nota alle forze dell'ordine e con precedenti per furto e truffa. E' l'identikit della donna che questa mattina è stata raggiunta da un'ordinanza di sgombero dalla sua casa popolare in via Creta, quartiere Baggio. La donna è stata soprannominata "la nonna degli zingari" e dalle indagini sul suo conto è emerso che diverse volte avrebbe ospitato in alloggio i suoi quattro figli, spesso detenuti per furto. Il commento del vicesindaco De Corato all'operazione: "Il Comune concentra l'attenzione nei quartieri più critici della città".

Stamattina è stato sgomberato anche un altro alloggio, occupato da una donna di 53 anni e dal figlio di 17, al sesto piano di via Cogne, a Quarto Oggiaro. Si tratta del terzo intervento nel quartiere in poche settimane: l'ultima volta la settimana scorsa in via Pascarella. La donna e il figlio vivevano in casa con un pitbull. Insieme ai vigili e a un rappresentante dell'Aler sono intervenuti anche i servizi sociali e un veterinario. Dopo lo sgombero i locali sono stati sigillati.


"Il Comune - ha aggiunto De Corato - contro le occupazioni abusive ha sempre fatto la sua parte e continua a portare avanti una linea di rigore. Anche se non è sempre seguita un altrettanto severa azione penale, che compete all'autorità giudiziaria. E lo testimoniano i ben 828 procedimenti pendenti a seguito di querela da inizio 2008 al 31 dicembre 2009. L'impegno nelle aule di giustizia del Comune è inoltre testimoniato dalla costituzione di parte civile nel processo al clan Pesco-Cardinale di via Monti. E dalla richiesta, che verrà avanzata, nel procedimento penale contro alcuni funzionari degli ex gestori del patrimonio di edilizia popolare accusati di associazione a delinquere finalizzata alla compravendita di alloggi popolari e concussione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vive in alloggio popolare ma ha venti automobli: sgomberata

MilanoToday è in caricamento