menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le scatole di Natale raccolte

Le scatole di Natale raccolte

"Milan col coeur in man": bimbi di quinta raccolgono una montagna di scatole di Natale

Protagonista del fatto la quinta B di via delle Foppette, il carico è stato consegnato in un negozio di via Washington

Quando c'è da fare del bene i milanesi (di tutte le età) rispondono senza esitare. È il concetto alla base del detto Milan col coeur in man. E la magia si è ripetuta nel pomeriggio di venerdì 4 dicembre quando una intera classe di una scuola elementare (la quinta B di via delle Foppette) ha portato oltre trenta scatole di Natale in un negozio di via Washington (il Leoni Sport).

"In due giorni siamo stati letteralmente inondati dai pacchi, ne avremo raccolti oltre 150 e la gente continua a telefonare per avere informazioni — chiosa Eugenio Marchitelli, titolare del negozio —. Oggi è stato bellissimo: i bambini erano circa una ventina ma abbiamo raccolto una trentina di regali, questo perché alcuni si sono presentati con due scatole". E nei prossimi giorni dovrebbero arrivare altre classi: "Poco fa ci ha chiamato una maestra di un asilo, dovrebbero passare lunedì o martedì. Ci aspettavamo del movimento ma non così tanto. È una cosa bellissima". 

E la raccolta proseguirà fino all'11 dicembre. Le scatole, e il loro prezioso contenuto, verrà poi distribuito alle associazioni di volontariato di Milano.

Scatole di Natale: l'iniziativa

L'iniziativa è stata ideata da Marion Pizzato, giovane mamma di Milano. La sua idea di fare qualcosa di concreto per chi è meno fortunato ha conquistato tutt'Italia rimbalzando da una città all'altra e ricevendo migliaia di adesioni.

Chi vuole partecipare al progetto solidale non deve fare altro che prendere una scatola, quelle delle scarpe vanno benissimo, e mettere dentro: una cosa calda (guanti, sciarpa, cappellino, maglione, coperta o simili); una cosa 'golosa'; un passatempo (libro, rivista, sudoku, matite ecc.); un prodotto di bellezza (crema, bagno schiuma, profumo); e un biglietto con parole gentili. Le tipologie di scatole sono tre a seconda dei destinatari: per uomo, donna o bambino.

La 'cosa calda' e il 'passatempo' possono essere usati ma in buono stato - come viene precisato dagli organizzatori -, la 'cosa golosa' deve essere cibo non deperibile (e nuovo), il prodotto di bellezza deve essere nuovo e il biglietto scritto per 'scaldare il cuore' di chi aprirà la scatola. Inoltre, per quanto riguarda la 'scatola bambino', è necessario indicare sempre età e sesso sul pacco; quanto al prodotto di bellezza in questo caso si può optare per dentifricio o uno spazzolino per bambini o gioiellini, e come biglietto è perfetto un disegno fatto da un altro bambino.

Dopo aver inserito tutti gli oggetti nella scatola, la si può decorare scrivendo in un angolo se è destinata a una donna, un uomo oppure un bambino. 

Dove consegnarla: i punti di raccolta

Se si hanno figli è possibile consegnare le scatole alle referenti volontarie della scuola (per info scrivere a scatoledinatalemilano@outlook.com o Facebook/Scatole di Natale Milano), che le raccoglieranno venerdì 4 e 11 dicembre e le porteranno poi direttamente ad una delle associazioni sostenute dal progetto, tra cui Amici di don Palazzolo onlus.

Per chi invece non ha legami con la scuola, sempre il 4 e l'11 dicembre, al parcheggio dello stadio San Siro, sarà possibile lasciare le scatole alla persona referente (per info scrivere a scatoledinatalemilano@outlook.com o Facebook/Scatole di Natale Milano). Naturalmente sarà obbligatorio arrivare con mascherina e gel disinfettante. Le scatole si possono portare anche in diversi negozi della città che aderiscono all'iniziativa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento