San Siro San Siro / Via Don Carlo Gnocchi

San Siro, irruzione degli antagonisti in chiesa. La condanna di Pisapia

Un gruppo di antagonisti avrebbe fatto irruzione domenica in San Giuseppe Calasanzio con slogan contro vescovo e clero. De Corato attacca: "Evitare un'escalation". La condanna del neo sindaco Pisapia

Singolare protesta domenica 5 giugno, durante la messa, nella chiesa di San Giuseppe Calasanzio in via Don Gnocchi (nella foto), in zona San Siro. Un gruppo di una ventina presunti antagonisti è entrato nella chiesa durante la funzione con un cartello con scritto «Padre Alberto curati tu», ne sono seguiti slogan contro il vescovo che celebrava messa, monsignor Marco Ferrari, vescovo ausiliario di Milano, e contro il clero in genere.

"MOMENTO DI GRANDE PAURA" - A riferire l'accaduto è don Vittorio De Paoli, parroco della parrocchia di via Piero della Francesca e responsabile della Madonna pellegrina di Fatima, celebrata in questi giorni nella parrocchia di zona San Siro. «È stato un momento di grande paura - spiega don Vittorio -, con spintoni e tensione durante un momento sacro. Un episodio da stigmatizzare. Non sappiamo da cosa nasca la protesta di questi giovani, forse contro un prete della parrocchia, ma hanno rivolto insulti contro la chiesa e i preti in genere, una cosa molto brutta».

"EVITARE UN'ESCALATION" - L'episodio è stato riferito anche alla questura che sta facendo degli accertamenti per fare chiarezza su quanto raccontato dai testimoni. «È la prima volta che io ricordi un episodio di questo tipo - commenta l'ex vice sindaco Riccardo De Corato, informato da don Vittorio De Paoli dell'accaduto -, con i centri sociali che interrompono una funzione religiosa pubblica. Èun altro segnale gravissimo, dopo quanto avvenuto sotto casa mia la sera dell'elezione di Pisapia. Quelle del neo sindaco sono grida manzoniane, qua bisogna che si intervenga per evitare una escalation. Dopo che l'arcivscovo Dionigi Tettamanzi ha dato segni di apertura al centrosinistra, questo è il modo in cui questi ragazzotti hanno inteso la disponibilità della Curia».

PISAPIA: "DA CONDANNARE" - Immediata la replica dall'entourage di Giuliano Pisapia: «Il sindaco di Milano esprime una ferma condanna per l'episodio avvenuto questa mattina durante la messa nella chiesa di San Giuseppe Calasanzio», queste le parole di Maurizio Baruffi, portavoce del primo cittadino. «Dalle informazioni finora raccolte - e al contrario di quanto dichiarato dall'onorevole De Corato - non risulta che i protagonisti di questa aggressiva e illogica irruzione inneggiassero a Pisapia. A De Corato, da cui ci aspettiamo maggior senso delle istituzioni, chiediamo di evitare sguaiate strumentalizzazioni politiche e ricordiamo che la campagna elettorale è finita».

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Siro, irruzione degli antagonisti in chiesa. La condanna di Pisapia

MilanoToday è in caricamento