San Siro Via Zamagna

Milano: salgono sul tetto e lanciano vari oggetti sulla strada

E' successo nel quartiere popolare di San Siro giovedì mattina

Foto A. De Chirico

Sono saliti sul tetto di una palazzina Aler e hanno iniziato a scattarsi alcune fotografie. Ma non solo: ad un certo punto hanno iniziato a lanciare oggetti sulla strada. E' successo nella mattinata di giovedì 24 maggio in via Zamagna - una via pedonale - nel quartiere popolare di San Siro.

Secondo alcune informazioni raccolte sul posto, si sarebbe trattato di persone di etnia rom che occupano abusivamente alcuni alloggi. «Serve rivedere il protocollo d'intesa anti-abusivi», commenta Alessandro De Chirico, vice capogruppo di Forza Italia a Palazzo Marino, che ha segnalato l'episodio: «Bisogna controllare porta a porta i novecento alloggi occupati e verificare chi li occupa».

Nel quartiere di San Siro prosegue il fenomeno delle occupazioni abusive, esploso nel 2014 e mai eradicato completamente. Le indagini del commissariato Bonola hanno portato a smantellare un racket vero e proprio, gestito da cinque egiziani che "controllavano" qualcosa come ottocento alloggi. con "base" in un bar di piazzale Selinunte. Per la prima volta la procura di Milano ha contestato l'associazione a delinquere legata al reato di occupazione abusiva di edifici.

Video: come si occupano le case popolari

Uno degli arrestati ha poi iniziato a collaborare con il pm Maria Letizia Mannella, esponendo in particolare la precisa divisione dei ruoli all'interno della banda, evidentemente "rodata". Nel frattempo, è impressione di molti che il racket stia continuando a sussistere, magari con nuovi personaggi alla ribalta. «Con fermezza e determinazione si deve far tornare ad essere San Siro il quartiere di un tempo», conclude De Chirico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano: salgono sul tetto e lanciano vari oggetti sulla strada

MilanoToday è in caricamento