menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Crepe sul palazzo appena ristrutturato

Crepe sul palazzo appena ristrutturato

Il sindacato degli inquilini Cgil denuncia il Comune

Dopo gli appelli rimasti inascoltati, il Sunia, insieme al comitato inquilini e alcuni residenti di via Solari 40, denunceranno il Comune per l'iniquità del canone applicato

Il prossimo lunedì 9 febbraio il Sunia (Sindacato unitario nazionale inquilini ed assegnatari), diversi membri del comitato inquilini e alcuni abitanti dello stabile ERP di via Solari 40 faranno causa al comune.
 
A dirlo è Loredana Valvo, responsabile del Sunia-Giambellino, che in seguito ad alcuni appelli rivolti a Palazzo Marino (purtroppo rimasti inascoltati) ha voluto raccontare a MilanoToday l’infelice storia dei residenti di questo stabile popolare.
 
“Ormai sono passati quasi due anni da quando abbiamo chiesto al comune di rivedere i canoni di locazione: lo stato attuale degli immobili abitati, nonostante una recente ristrutturazione di una parte dei caseggiati, presentano ancora vizi strutturali evidenti”, spiega la responsabile del Sunia. E a seguito di ciò, infatti, la sigla sindacale ritiene iniqua l’applicazione dello stato di conservazione “normale”, rivendicando l’applicazione del coefficiente relativo allo stato di conservazione “scadente” che porterebbe a una riduzione del canone di locazione.
 
Le crepe presenti sui balconi e sulle pareti del palazzo parlano da sole. Lungo un condotto si notano anche alcune infiltrazioni interne. “E dentro è anche peggio”, racconta Loredana del Sunia.
 
Ma non è tutto: “Insieme al canone contestiamo anche una serie di arretrati ingiustificati che vanno fino al 2009. E una serie di aumenti di preventivi di spesa, anch’essi non giustificati, a fronte dell’utilizzo di acqua e luce da parte di un cantiere rimasto qui per molto tempo”.
 
Spese su spese, quindi, aggiunte a un canone ritenuto “normale” dal comune. “Alcuni abitanti - continua Loredana - sono stati forzatamente mobilitati a fine dicembre 2014, perché gli altri caseggiati dello stabile sono stati dichiarati inagibile, anche se pagati con un canone di natura normale”.
 
“Nessuna trattativa” per i 44 inquilini che hanno intentato la mediazione. “In un incontro con Aler ci hanno detto che il comune non aveva intenzione di intraprendere alcuna trattativa con noi o con gli abitanti” fa sapere la responsabile del sindacato.
 
Inoltre, per non rimanere al freddo, molti inquilini sono stati costretti a pagare a proprie spese un impianto di riscaldamento a norma di legge. “Questo ha comportato un ulteriore incremento del loro affitto in base a una legge regionale che, allo stato di fatto in cui si trova l’immobile, è davvero inopportuna”.
 
E il conto si fa più salato anche per altri 8 inquilini che godono ancora di un contratto di locazione popolare risalente a una vecchia legge del ’78. “Il comune - conclude il Sunia - avrebbe dovuto disdire il loro contratto tramite una raccomandata che ad oggi ancora non ci è pervenuta. Ora per loro il canone è triplicato”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    Al Policlinico si iniziano a chiudere i posti letto covid

  • Cronaca

    Silvio Berlusconi è stato ricoverato al San Raffaele

  • Coronavirus

    Cosa succede dopo il vaccino anti covid?

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Cannabis (light) gratis con Isee fino a 40.000 euro

  • Sport

    Tanto col calcio vale tutto

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento