Porta Genova Porta Magenta / Corso Vercelli

Uomo arrestato perché accusato di essere il "terrore dei bancomat", ma era innocente

Dodici le rapine che gli sono state attribuite, ma l'uomo era innocente ed è libero. I fatti

Il rapinatore in azione

Ha trasformato quel "triangolo" di città nel suo personalissimo territorio di caccia. Lì - tra corso Vercelli, viale Papiniano e viale Coni Zugna - ha trovato costantemente i suoi obiettivi e le sue vittime.

E ora, nonostante un intervento della polizia, il rapinatore è ancora libero perché Ahmed Abou Elhamd Abbas Ahmed - cinquantotto anni, italiano ma di origine egiziana - è innocente nonostante sia stato arrestato nei giorni scorsi dagli agenti del commissariato Porta Genova con l'accusa di rapina per dodici colpi messi a segno in alcuni bancomat Unicredit del centro città tra il 5 marzo 2016 e l'8 novembre 2017. 

Video | Il rapinatore in azione: uno dei colpi

Il rapinatore seriale, hanno accertato i poliziotti, colpisce sempre allo stesso modo: si avvicina alle vittime, aspetta che inseriscano il codice Pin per il prelievo e poi - sfruttando anche il suo metro e novanta di altezza e il fisico imponente - le spintona per afferrare i soldi e fuggire. Nel suo mirino sono finiti sempre atm Unicredit e sempre anziani, tranne in un caso - il suo unico "errore" - in cui ha cercato di rapinare un uomo dei duemila euro appena "ritirati". Il giovane, però, ha inseguito il rapinatore, lo ha raggiunto nella sua auto e ha riconquistato il denaro. 

Le indagini del commissariato, guidato da Manfredi Fava, sono partite proprio dalla denuncia dell'uomo. A quel punto, i poliziotti hanno collegato tutte le rapine commesse in zona con lo stesso modus operandi e sono riusciti a tracciare un triangolo per delimitare i potenziali prossimi obiettivi del rapinatore.

Dopo giorni di controlli e di appostamenti, gli agenti hanno fermato il sospettato in strada fingendo un controllo e hanno scattato una foto della sua carta d'identità. Quando le vittime lo hanno riconosciuto, per lui sono scattate le manette.

Nei dodici colpi che gli vengono contestati - ma presto gli agenti lo incolperanno di altri sette - il malvivente è riuscito a rapinare 18mila euro in contanti.

Il 58enne è innocente: rapinatore ancora libero

Pochi giorni dopo l'arresto, però, il 58enne è stato scarcerato perché riconosciuto totalmente estraneo ai fatti.

Probabile, infatti, che Abbas Ahmed sia finito in carcere soltanto per uno scambio di persona. La procura, stando a quanto riferito dall'avvocato dell'uomo, avrebbe già avviato le pratiche per la richiesta di archiviazione. Ma intanto il rapinatore, quello vero, è ancora libero. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomo arrestato perché accusato di essere il "terrore dei bancomat", ma era innocente

MilanoToday è in caricamento