Milano Centro Duomo / Piazza del Duomo

Punta le ragazzine in metrò per palpeggiarle e masturbarsi

Arrestato un egiziano 30enne, disoccupato e con precedenti penali. Aveva cercato diverse "vittime"

Una fermata della linea rossa

Un egiziano di 30 anni, disoccupato, regolare ma con precedenti penali, è stato arrestato per violenza sessuale dalla polmetro martedì 5 febbraio. 

Non è il primo caso che ha coinvolto nordafricani in questo genere di reati. 

Secondo quanto riportato dalla questura, intorno alle 13.45, l'uomo è stato avvistato da due agenti in borghese gironzolare con fare sospetto nella stazione di Cadorna. I due poliziotti decidono di seguirlo. 

Lo straniero segue un gruppo di ragazzine sul metrò. Si avvicina a loro, comincia a strusciarsi, ma le giovani (forse appena uscite da scuola, tra i 15 e i 17 anni) scendono a Pagano senza accorgersi di nulla. Si ferma anche l'egiziano, che cambia convoglio. 

Qui "addocchia" una ragazza sui 20 anni, bionda, e ancora le va dietro cercando il contatto pelvico. Ma il metrò è poco affollato e desiste. 

Riprende ancora il metrò, questa volta come "vittima" c'è una giovane mora, molto alta; il 30enne inizia a palparle i glutei e le parti basse. Mette la mano nei pantaloni e inizia a masturbarsi, sfruttando la calca. La donna, sotto choc, era impietrita dall'imbarazzo.

Qui la polizia interviene e lo fa scendere a Duomo. Viene arrestato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Punta le ragazzine in metrò per palpeggiarle e masturbarsi

MilanoToday è in caricamento