menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto repertorio

Foto repertorio

Follia in metro: ragazzo picchia la fidanzata e la sbatte con la testa contro il muro, lei sviene

Il ragazzo, 27 anni, è stato arrestato per lesioni personali. La donna è finita in ospedale

Alle sette del mattino, quando la sua fidanzata aveva appena finito di lavorare, ha bevuto una birra in un bar. Poi, insieme sono saliti in metro per arrivare ad Inganni. Una volta in Duomo, però, ha dato sfogo alla sua violenza, scagliandosi ferocemente contro la sua compagna.  

Un ragazzo di ventisette anni - un cittadino dell'Ecuador gestore di un chiosco bar in zona Corvetto - è stato arrestato mercoledì mattina dalla Polmetro in flagranza del reato di lesioni personali. Teatro della follia, avvenuta poco dopo le nove, è stata la banchina della fermata metropolitana Duomo, dove l'aggressore e la vittima - una badante ecuadoriana di trentacinque anni - erano appena scesi da un treno che viaggiava in direzione Comasina. 

Una volta fuori dal vagone, per futili e banali motivi, il ventisettenne ha afferrato la compagna per i capelli e ha iniziato a sbatterla con la testa contro il muro e contro alcuni armadietti in ferro. Alla vista dei poliziotti, allertati dai tanti testimoni, l'aggressore non ha mollato la presa e ha continuato a colpire la vittima, che si è accasciata al suolo priva di sensi.

Soccorsa da un'ambulanza del 118, la trentacinquenne è stata trasportata in codice giallo al Policlinico, dove i medici le hanno diagnosticato un trauma cranico e sette giorni di prognosi. Proprio al pronto soccorso, raggiunta dagli agenti, la donna ha raccontato che lui e il ventisettenne sono fidanzati da cinque mesi e che in mattinata erano andati al bar insieme, dove lui - nonostante fossero le sette - aveva bevuto una birra. Poi - ha ricostruito la vittima - erano saliti in metro a Brenta e al momento di cambiare in Duomo per salire sulla M1 lui l'aveva aggredita senza nessun motivo.

Per il ragazzo, che ha precedenti, sono scattate le manette: sarà processato per direttissima. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Coronavirus

Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento