rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Milano Centro Castello / Largo Cairoli

«Berlusconi vattene!». Contestazione e vernice davanti a Unicredit

Centro di Milano in tilt in mattinata per un migliaio di studenti dei collettivi che hanno protestato contro "Berlusconi-Rais". Contestazione davanti a Unicredit

Fumogeni, slogan contro Berlusconi (e i suoi soldi) accostato al rais Gheddafi, aspra contestazione davanti alla sede di Unicredit, vernici contro le filiali delle banche. E' andato in scena il tradizionale canovaccio, stamane, con i collettivi degli studenti milanesi, che hanno bloccato per diverse ore il centro cittadino. 

LA MANIFESTAZIONE - Si sono radunati intorno alle 9, a largo Cairoli. Sono arrivati alla spicciolata, dalle diverse zone dell'hinterland. Ognuno con il proprio striscione, ognuno con il carico "di odio" verso l'attuale sistema di governo. Due furgoncini, noleggiati per l'occasione, a sparare musica ska all'impazzata, frammezzata da slogan contro i "poteri alti": la macchina da soldi mafiosa della famiglia Berlusconi (invitato "caldamente" all'esilio), i tagli all'Istruzione pubblica, l'"omicidio di Stato" di Carlo Giuliani, i soldi "sporchi" degli istituti di credito.

Corteo studenti Milano

IL CORTEO - Per farsi sentire, megafoni, addirittura pentole. Ai ragazzi delle prime file è stata distribuita una maglietta bianca con scritto "Sveglia! Cacciare il rais è possibile". E poi vernice contro le banche. E' stata colpita Unicredit, la Banca popolare di Lodi, altre filiali. Sono stati attaccati volantini sulle vetrine ("ladri", "mafiosi"). Gli attacchi a base di vernice hanno poi coinvolto anche l'Hotel dei Cavalieri in piazza Missori (accusato di ospitare manifestazioni delle formazioni politiche di estrema destra). La manifestazione, dopo aver compiuto il giro dell'isolato, dovrebbe ritornare in piazza Castello e concludersi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Berlusconi vattene!». Contestazione e vernice davanti a Unicredit

MilanoToday è in caricamento