rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Milano Centro Via Meravigli

Novaceta, ancora un presidio dei lavoratori in via Meravigli

I 169 dipendenti, in cassa integrazione, hanno protestato questa mattina davanti la sede dell'azienda. Chiedono un incontro con i vertici di Confcommercio al fine di trovare un acquirente italiano

I lavoratori della Novaceta di Magenta (Milano), specializzata nella produzione di acetato di cellulosa e i cui 169 dipendenti sono tutti in cassa integrazione dallo scorso mese di luglio, questa mattina hanno attuato l'ennesimo presidio, davanti alla sede dell'azienda in via Meravigli, a Milano.

Infatti, non si è ancora trovato quello che tecnicamente si definisce 'un cavaliere bianco', cioé un acquirente "possibilmente italiano", e i dipendenti chiedono un incontro con i vertici di Confcommercio.

"Il nostro obiettivo è che qualche azienda italiana sia interessata all'acquisizione - sottolinea Giovanni Cippo, segretario generale dell'Allca-Cub - se non altro prima che intervenga nell'acquisto qualche multinazionale cinese o indiana, come sembrerebbe". "Al contrario - aggiunge il sindacalista - si rischia di avere un marchio italiano, ma con un impianto che, nella migliore delle ipotesi, nel nostro Paese in realtà produrrebbe anche meno di un decimo di quello che sfornerebbero gli stabilimenti ubicati nella nazione, Cina o India, appunto, in cui avrebbe sede la casa madre".

"Proprio per questo - conclude - per mercoledì abbiamo chiesto un incontro direttamente a Carlo Sangalli e a Pierandrea Chevallard, presidente e vicepresidente di Confcommercio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Novaceta, ancora un presidio dei lavoratori in via Meravigli

MilanoToday è in caricamento