menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Santa Marta, turisti cacciati dall’albergo sotto sfratto

Ieri mattina l’ufficiale giudiziario ha disposto lo sgombero dell’Hotel Santa Marta. Il proprietario dell’albergo ha ricevuto un’ordinanza di sfratto già nel 2006: pronto però a non mollare e a intentare una causa per danno d’immagine dell’albergo

Ieri mattina, poco prima delle 10, gli avventori dell’Hotel Santa Marta hanno avuto una brutta sorpresa. L’ufficiale giudiziario ha bussato ad ognuna delle camere del centralissimo albergo, per avvisare la clientela che avrebbero dovuto abbandonare le loro stanze.

Il motivo? Il padrone dell’hotel aveva ricevuto nel 2006 una ordinanza di sfratto e i muri del palazzo sono di proprietà di Bnl che li ha comprati dal Comune di Milano. La autorità dicono che l’intervento era stato ampiamente annunciato al gestore dell’albergo, tanto che era stato avvisato di prendere prenotazioni per questi giorni.

Dal canto suo il padrone dell’hotel pensava che la Bnl sarebbe stata disposta ad un accordo per lasciare lo stabile in questione ad ottobre e non ieri. Da oggi, i sei dipendenti dell’hotel, si ritrovano senza preavviso disoccupati.

Ma il signor Ferdinando d’Elia, titolare del Santa Maria, non ha intenzione di mollare facilmente. Tramite il suo avvocato infatti, il proprietario dell’albergo annuncia azioni legali, per danneggiamento dell’immagine dell’hotel.

Le sorti dello stabile di Via Santa Maria non sono ancora state decise, ma secondo alcune indiscrezioni le stanza verranno accorpate e trasformate in appartamenti.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento