Sabato, 24 Luglio 2021
Milano Centro Piazza del Duomo

Per 16mila euro veri consegna 60mila euro falsi ad una donna: truffa in un bar del centro

I carabinieri della Compagnia Duomo hanno arrestato un cittadino serbo con precedenti

Le banconote false

Un serbo di 30 anni è stato arrestato a Milano per truffa ai danni di una 31enne tedesca. La donna, residente nella zona di Dusseldorf e alle prese con una difficile situazione economica, rischia di essere sfrattata un’ipoteca da 300 mila euro sulla sua abitazione, attraverso un sito internet dedicato a prestiti tra privati, si era rivolta a tale “signor Morelli” che, in perfetto tedesco con una lieve inflessione austriaca, le aveva promesso un prestito da 60 mila euro, con un tasso del 6,5%, chiedendo in garanzia 16 mila euro in contanti. I due hanno così deciso di incontrarsi martedì scorso in un bar del centro di Milano, a due passi da Piazza del Duomo.

Una volta arrivata nel capoluogo lombardo, la donna è stata contattata telefonicamente dal signor Morelli che, scusandosi, le ha spiegato di aver avuto un contrattempo e che perciò all’appuntamento si sarebbe presentato un suo collaboratore. Al bar è arrivato un serbo che ha ingannato la 31enne consegnandole una mazzetta di banconote da 500 euro false, con la scritta fac-simile nascosta da una fascetta. Ricevuti i 16 mila euro, l’uomo è fuggito.

La scena non è passata inosservata ad alcuni clienti del bar che hanno allertato i carabinieri del nucleo operativo della compagnia Duomo diretti dal comandante Renato Puglisi. Il serbo, con precedenti specifici, è stato arrestato, i 16 mila euro recuperati e restituiti alla vittima. Le indagini proseguono nel tentativo di identificare il sedicente “signor Morelli” e accertare se sia lui il regista della truffa. Gli inquirenti dell’Arma intendono inoltre verificare se il bar in zona Duomo sia stato teatro di altri episodi analoghi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per 16mila euro veri consegna 60mila euro falsi ad una donna: truffa in un bar del centro

MilanoToday è in caricamento