Sabato, 25 Settembre 2021
Certosa Cagnola / Viale Carlo Espinasse

Milano, da un appartamento confiscato alla mafia nasce una biblioteca di quartiere

La biblioteca è frutto di un patto di collaborazione tra Palazzo Marino, l'associazione Circola e un gruppo di cittadini

Centinaia di libri in un appartamento confiscato alla mafia. È stata aperta nella giornata di sabato 18 maggio la biblioteca sociale Espinasse che tra le sue mura raccoglie un catalogo di titoli su fotografia, viaggi, letteratura per l’infanzia, saggistica, testi sulla legalità e lotta alla mafia. 
 
Un nuovo punto di aggregazione sociale e culturale del quartiere Villapizzone, frutto di un patto di collaborazione siglato tra il Comune di Milano, proprietario dell’immobile, l’associazione Circola e un gruppo di abitanti del condominio di viale Espinasse 106 che si è spontaneamente organizzato in un comitato per realizzare questo progetto. 

All’interno dello spazio è anche presente una sezione dedicata al bookcrossing, dove chiunque potrà scambiare e condividere le proprie passioni letterarie e presto ospiterà anche incontri letterari, mostre artistiche e fotografiche, corsi per adulti e ragazzi per la condivisione di competenze professionali ed esperienze personali. 

"La realizzazione della biblioteca — spiegano da Palazzo Marino — è stata possibile grazie a un percorso partecipativo con il quartiere curato da Ascolto Attivo e ha visto la collaborazione degli studenti dell'IIS Cremona, del Rotary Club Milano Est, che ha donato parte dei libri presenti, e dell'Area Biblioteche del Comune di Milano, che ha formato i volontari e fornito supporto tecnico e organizzativo". 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, da un appartamento confiscato alla mafia nasce una biblioteca di quartiere

MilanoToday è in caricamento