rotate-mobile
Fiera

Inaugurato il cantiere di CityLife, ma la torre “storta” verrà modificata

Inaugurato questa mattina il cantiere di CityLife, il famoso e futuristico quartiere che sorgerà nell’area della vecchia Fiera: il progetto occuperà 366mila metri quadrati e avrà un grande parco di 160mila

E' stato tagliato oggi il nastro dei cantieri di CityLife, il progetto immobiliare che trasformerà l’ex area della Fiera in un nuovo futuristico quartiere con le tre torri firmate da Daniel Libeskind, Zaha Hadid e Arata Isozaki.

Ma è proprio una di queste torri avveniristiche a fare discutere, quella “storta”, che Berlusconi aveva bollato come “orribile”.

“Cercheremo di raddrizzarla un po' nella fase esecutiva si cerca di risparmiare e una torre storta costa di più” ha riconosciuto l'immobiliarista Salvatore Ligresti, che si occuperà dell’opera.

Il quartiere occupa un’area di 366mila metri quadri e avrà un parco verde di 160mila metri quadrati. L’opera dovrebbe essere realizzata e completata in tempo per Expo.

CityLife suggella anche la pace tra Ligresti e il Comune di Milano: qualche mese fa l’immobiliarista di era rivolto alla Provincia chiedendo il commissariamento della Moratti e dei suoi per alcuni problemi su due progetti edilizi

“Bisognava smuovere qualcosa anche per tenere sveglia l'attenzione su quello che si realizza nell'incontro di oggi” ha detto Ligresti sulla questione.

Presenti all’inaugurazione anche Formigoni e la Moratti. Per il governatore: “Questo è un pezzo storico della Milano che ha puntato verso la modernità che cambia ulteriormente”, mentre per il primo cittadino, CityLife è “la dimostrazione che la nostra città è capace di innovare”
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato il cantiere di CityLife, ma la torre “storta” verrà modificata

MilanoToday è in caricamento