CertosaToday

Nessuno vuole Cascina Boldinasco: deserto il bando per realizzare housing sociale

Il Comune di Milano cercava un gestore quarantennale. La possibilità di fondi europei

Cascina Boldinasco

Nessuno vuole Cascina Boldinasco. La struttura di via De Lemene, in zona QT8 (Monte Stella) era stata messa a bando dal Comune di Milano, che ne ha la proprietà, per un recupero prevalentemente in co-housing, ma il bando è andato deserto. 

Vi era la possibilità di realizzare 45 alloggi di cui 35 a canone convenzionato e il resto da destinare all'emergenza abitativa con la formula del co-housing tra inquilini. L'obiettivo era quello di trovare un gestore quarantennale del progetto, che sarebbe stato ultimato grazie alle risorse del programma europeo Pon Metro 2014/2020, con un finanziamento del Comune fino al 49% (2.498 milioni di euro per la riqualificazione dell'immobile e 281 mila euro per le attività di gestione e di accompagnamento sociale).

Cascina Boldinasco

Il complesso edilizio è localizzato su un’area di proprietà comunale nei pressi del Montestella, in uno degli ambiti strategici già individuati con il Piano Periferie (QT8-Gallaratese), la cui superficie complessiva è pari a 5.166 mq.

È composto da una cascina di interesse storico artistico (tre corpi di fabbrica con distribuzione a ballatoio intorno a due corti interne per una superficie di 2.397 mq), da un’area verde di 665 mq, anch’essa sottoposta a vincolo, e da un’altra area di 1.930 mq al momento non edificata dove vengono coltivati degli orti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ultimato agli inizi del ’900 intorno al nucleo originario, che risale invece al ‘700, dopo una prima vita da centro agricolo, negli anni precedenti la Seconda Guerra Mondiale ne ha conosciuta un’altra come azienda agricola zootecnica all’avanguardia, per poi venire conferito negli anni ‘50 all’amministrazione comunale e dedicato, fin da allora, ad alloggi sociali. Dal 2006 la cascina è stata abbandonata perché dichiarata inagibile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino covid coronavirus Milano e Lombardia: nuovo record assoluto, +2.419 casi

  • Coprifuoco in Lombardia: così a Milano torna di 'moda' l'autocertificazione per circolare

  • Covid, la Lombardia inasprirà le regole: stop a sport amatoriale, bar chiusi alle 21

  • Covid, le regole in Lombardia dal 17 ottobre: locali chiusi alle 24, stop allo sport di contatto

  • Coronavirus, coprifuoco a Milano e in Lombardia dalle 23 alle 5: c'è l'ok del Governo

  • Milano, lunedì in centro arriva il laboratorio mobile: test gratis per il coronavirus (e per l'epatite C)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento