Giovedì, 29 Luglio 2021
Gallaratese Gallaratese / Via Bolla

Milano, sgomberi e controlli in via Bolla: via il "mini campo rom" sotto i palazzi (occupati)

Massiccio intervento, giovedì mattina, di polizia locale e Amsa in via Bolla. Le immagini

Occupazioni e degrado in via Bolla - Foto © MilanoToday

I cittadini chiamano e chiedono aiuto. Il comune e la polizia locale rispondono. Giovedì mattina, numerosi ghisa - aiutati dai dipendenti Amsa - hanno passato al setaccio via Bolla, che da tempo fa i conti con degrado, occupazioni abusive e una sorta di mini accampamento rom sotto le case popolari

Dalle prime luci del giorno, infatti, ventotto vigili sono impegnati in quella che - secondo le prime informazioni raccolte - è ufficialmente definita come un'operazione di controllo dei veicoli presenti nell'area. La Locale, stando a quanto appreso, ha portato via tutte le auto senza assicurazione mentre sono state mandate via tutte le roulotte che da mesi ormai stazionavano sotto le case popolari ai civici dal 32 al 40.

In quelle roulotte, avevano più volte denunciato i residenti dei palazzi Aler, dormivano famiglie rom con ogni probabilità in attesa di occupare qualche casa all'interno di quello stesso edificio, dove le famiglie abusive - nel tempo - sarebbero diventate settantacinque.

Complessivamente la Locale ha visionato 67 veicoli, 13 dei quali sono risultati senza copertura assicurativa (e sono stati sequestrati) e uno in stato di abbandono (rimosso). Contestate anche tre mancate revisioni di legge, una intestazione fittizia e tre violazioni per "campeggio in area urbana".

Negli spazi esterni, invece, hanno lavorato gli addetti Amsa, che hanno ripulito le strade e i cortili dalla spazzatura. Al setaccio anche alcuni box, occupati, sotto le case Aler, che sono stati sgomberati e puliti. 

Proprio contro degrado, illegalità e occupazioni, giovedì sera è in programma un corteo di protesta organizzato dal comitato "Gallaretese sicuro". L'appuntamento è alle ore 21 in via Quarenghi: "Facciamo molto rumore - l'appello degli organizzatori -. Portate fischietti, dovrà essere un corteo colorato, festoso e pacifico. È un primo passo per noi cittadini per coinvolgere le istituzioni sulla reale situazione in cui vive, ultimamente, il nostro quartiere".

E dalle istituzioni, dalla regione, ad agosto scorso era arrivato un secco "no" allo stanziamento di soldi per abbattere e ricostruire le case popolari di via Bolla. Eppure, la demolizione e la ricostruzione era stata l'unica strada indicata come possibile dal presidente di Aler Milano, Mario Angelo Sala. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano, sgomberi e controlli in via Bolla: via il "mini campo rom" sotto i palazzi (occupati)

MilanoToday è in caricamento