Certosa Musocco / Via Privata Gadames

Sotto sgombero il palazzo di via Gadames dell'oltraggio alla Madonnina: attivisti sul tetto

Le forze dell'ordine hanno cinturato l'edificio, ma sei attivisti sono saliti sul tetto

Gli attivisti sul tetto

È iniziato nella mattinata di mercoledì 31 maggio lo sgombero di una villa-palazzetto di proprietà della congregazione dei Padri passionisti in via Gadames a Milano (zona Certosa). Con le prime luci dell'alba gli agenti della questura hanno isolato la zona interessata con l'aiuto di carabinieri e guardia di finanza. Sei occupanti, tuttavia, si sono barricati sul tetto della struttura per protestare contro l'operazione. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco con un'autopompa e un carro soccorso, la situazione è tranquilla.

Lo sgombero è arrivato dopo otto mesi di occupazione e in seguito un oltraggio alla statua della Madonna presente nella struttura, bendata e oltraggiata da uno striscione a sfondo sessuale a inizio maggio. La curia era insorta: «Nel giorno in cui tutta la Chiesa celebra la Madonna di Fatima e a Milano decine e decine di migliaia di persone stanno transitando dal Duomo per venerare la Madre di Dio, pregare, trovare conforto nelle prove della vita, fa particolarmente male apprendere dell’oltraggio che da settimane si sta consumando in città in via Gadames», aveva scritto in una nota.

Dopo l'oltraggio la questione di via Gadames era salita tra le priorità di via Fatebenefratelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sotto sgombero il palazzo di via Gadames dell'oltraggio alla Madonnina: attivisti sul tetto

MilanoToday è in caricamento