Venerdì, 30 Luglio 2021
Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Due anni senza Ciro Cesarano, il ricordo del suo compagno di partito Antonio Di Lauro

La notte tra il 10 e l'11 novembre del 2016 si è spento Ciro Cesarano, noto politico di Forza Italia di Cinisello. Il suo ricordo è però vivo tra chi lo conosceva e nella ricorrenza della sua scomparsa il compagno di partito gli ha dedicato un bellissimo pensiero

Ciro Cesarano, ricorrono due anni dal sua scomparsa

Nella notte tra il 10 e l'11 novembre del 2016 il politico cinisellese Ciro Cesarano, militante di Forza Italia, è scomparso, lasciando un grande vuoto a Cinisello Balsamo, città in cui ha sicuramente lasciato un segno indelebile in molte persone.

Tra queste c'è il compagno di partito Antonio Di Lauro, attuale consigliere comunale per Forza Italia, che gli ha dedicato un lungo e accorato scritto in questo secondo anniversario dalla sua scomparsa, che riportiamo integralmente:

«Sono due anni che l'amico Ciro Cesarano ci ha lasciato. Il suo impegno, la sua storia da imprenditore e il suo senso di politico al servizio della città di Cinisello Balsamo, riecheggia ancora nei corridoi del palazzo».

«Ognuno di noi ha un suo ricordo particolare, ognuno di noi ha una sua attenzione da ricordare, perché lui ne aveva sempre una per chi lo circondava. Mi piacerebbe condividere con lui oggi la nostra storia in maggioranza di governo della città, lui che l'ha sfiorata da coordinatore del partito nel 2009, per pochi voti, sempre con rispetto e grinta nei confronti di un avversario forte ma non invincibile».

«Anche a lui noi del partito dobbiamo questa vittoria, perché con la sua storia, la sua tenacia, il suo senso delle istituzioni, ha permesso di costruire nel partito un futuro migliore per la nostra città. Oggi Forza Italia è in difficoltà, ma sono convinto che la storia ci darà ragione, perché le capacità e il senso di liberismo che ci contraddistingue è il bagaglio che nel futuro possa fare la differenza con chi si è improvvisato amministratore, ma con esperienza senza passato, la mancanza della cosiddetta gavetta».

«Mi hanno insegnato e sperimentato con l'amico Ciro Cesarano, che la politica è come la scuola, ci sono le elementari (oggi primaria) poi le medie (primaria di primo grado) le superiori e per alcuni il dottorato all'università, solo per pochi in politica questi passaggi non sono serviti, ma proprio in pochi».

«Molti invece hanno bisogno perché ogni cosa ha il suo tempo: imparare per meglio agire. Questo ho imparato: la politica è servizio, passione e impegno per dare un futuro ai prossimi e per dare bisogna avere la forza di saper vedere e conoscere dove andare per raggiungere la meta che altri dovranno ricevere».

«Un grosso impegno che se non si ha la giusta e corretta visione, quando ti accorgi che hai sbagliato, risulta essere tardi porre ai ripari. L'umiltà, la storia e lo studio possono fare la differenza, con queste parole ho cominciato a lavorare con Ciro Cesarano dove lui era già consigliere del Comune di Cinisello Balsamo da 5 anni, io avevo solo 25 anni di esperienza nelle circoscrizioni del Comune di Cinisello Balsamo nella zona di Balsamo e poi Borgo Misto. Nonostante questo io al servizio del partito e di Ciro Cesarano per essere squadra ed essere forti. Ciao Ciro dovunque tu sia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due anni senza Ciro Cesarano, il ricordo del suo compagno di partito Antonio Di Lauro

MilanoToday è in caricamento