Cinisello BalsamoToday

Esondazione del fiume Lambro, ARI-RE di Cinisello parte attiva

Venerdì 25 e sabato 26 ottobre, nelle Province di Lecco, Como, Milano, Monza e Brianza, è stata simulata l'esondazione del Lambro. Tra i partecipanti anche ARI-RE che ha predisposto un centro di comunicazioni

La stazione radio-mobile di ARI-RE

Venerdì 25 e sabato 26 ottobre, nelle Province di Lecco, Como, Milano, Monza e Brianza, è stata simulata l'esondazione del fiume Lambro, con conseguente allagamento di diverse zone urbanizzate lungo il fiume e allontanamento della popolazione coinvolta.

Presso il Comune di Sesto San Giovanni è stato attivato con l’occasione il COM-14 (Centro Coordinamento Misto); allo scopo il gruppo radioamatori ARI-RE (Radiocomunicazioni di Emergenza) di Cinisello Balsamo, oltre all’utilizzo dei propri apparati radio, ha predisposto un centro di comunicazioni utilizzando una stazione radio mobile  con relative antenne sul tetto del palazzo comunale.

Grazie a queste apparecchiature è stato garantito un costante contatto con Prefettura, Sala Operativa regionale di Protezione Civile, e comuni limitrofi.

A breve inizieranno i lavori di riqualificazione del Cavo Diotti, un’opera di regolazione idraulica progettata in epoca napoleonica nel comune di Merone (CO), e che dagli inizi ‘800 regola il deflusso idrico del lago di Pusiano nel fiume Lambro. I lavori dureranno circa un anno, in questo periodo sarà molto limitata la possibilità di governare le piene del fiume Lambro sfruttando il bacino del lago.

A tale proposito è stata simulata la fuoriuscita delle acque a monte del lago di Pusiano e quelle a valle che coinvolgono i comuni adiacenti al fiume Lambro; obiettivo dell’esercitazione è stato quello di informare la popolazione, e verificare il sistema di allertamento e le squadre che interverrebbero in caso di emergenza. 

650 i volontari coinvolti in questo run test che è servito a mettere a punto le procedure di allertamento, i tempi di reazione e le capacità di rispondere in maniera efficace all'evento di tutte le strutture che fanno parte del sistema Protezione Civile della Regione Lombardia.

21 i volontari del Corpo Volontari Protezione Civile di Cinisello Balsamo che sono stati impiegati nel Comune di Sesto San Giovanni per predisporre materiale per arginature e, assieme alle Guardie Ecologiche del Parco Medio Lambro, monitorare la situazione lungo tutta l'asta del fiume.

Molte le amministrazioni che hanno partecipato a questa esercitazione, che ha coinvolto oltre 650 volontari: Regione, Prefetture e Province di Como, Lecco, Monza-Brianza e Milano, Comuni di Milano, Cologno Monzese, Sesto San Giovanni, Peschiera Borromeo, Melegnano, Nibionno, Costa Masnaga, Cesana Brianza, Bosisio Parini, Rogeno, Veduggio, Briosco, Giussano, Verano Brianza, Carate Brianza, Triuggio, Albiate, Sovico, Macherio, Lesmo, Arcore, Biassono, Villasanta, Monza, Brugherio, Erba, Eupilio, Merone e Pusiano.

Sono intervenuti anche Protezione Civile, AIPo, Parco Valle del Lambro, Ufficio per le Dighe di Milano, ARPA.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento