Lunedì, 17 Maggio 2021
Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Due poliziotti di Cinisello finiscono in manette per corruzione

Sono finiti in manette per corruzione un ispettore capo di 48 anni e un assistente capo di 47 anni della polizia di stato: in cambio di denaro avrebbero favorito alcuni stranieri nell’ottenere il permesso di soggiorno

L'ombra della corruzione sulla polizia di stato

La notizia ha del clamoroso: a Cinisello Balsamo sono finiti in manette per corruzione un ispettore capo di 48 anni e un assistente capo di 47 anni della polizia di stato.

L’accusa per i due è molto pesante: in cambio di denaro avrebbero favorito alcuni stranieri nell’ottenere il permesso di soggiorno.

L’indagine è partita dalla denuncia di un egiziano, regolare, che aveva presentato tutti i permessi, ma che non era riuscito ad avere i documenti.

Da qui è emerso il giro di corruzione che sarebbe stato gestito da un imprenditore egiziano proprietario di due macellerie islamiche a Sesto San Giovanni.

Al momento sono in esecuzione 23 provvedimenti di custodia cautelare emessi dal tribunale di Monza. Tra gli 8 arrestati, oltre ai due poliziotti, ci sono altre 5 persone ai domiciliari, mentre i restanti 10 hanno obbligo di firma.

Al momento la squadra mobile ha accertato qualche decina di pratiche, ma il numero potrebbe addirittura superare il centinaio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due poliziotti di Cinisello finiscono in manette per corruzione

MilanoToday è in caricamento