Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Il bike sharing free floating arriva in 60 Comuni dell'hinterland, tra questi c'è Cinisello

Il servizio già attivo nella città di Milano, potrà così oltrepassare i limiti territoriali del capoluogo ed essere attivo in primis presso i Comuni di prima fascia (tra cui c'è Cinisello Balsamo) e, a seguire, anche presso tutti gli altri Comuni interessati

Le bici Ofo e MoBike ora possono varcare i confini milanesi

Bike sharing free floating: 60 Comuni della Grande Milano hanno aderito al protocollo d¹intesa elaborato dalla Città Metropolitana di Milano e tra questi figura anche Cinisello Balsmao.

Il servizio già attivo nella città di Milano, potrà così oltrepassare i limiti territoriali del capoluogo ed essere attivo in primis presso i Comuni di prima fascia e, a seguire, anche presso tutti gli altri Comuni interessati.

Verrà così offerto un servizio su scala metropolitana con positive ricadute, in termini di praticità, per i cittadini.

E' un dato di fatto che gli spostamenti delle persone avvengono spesso oltre i confini del proprio Comune di residenza verso luoghi quali stazioni ferroviarie, uffici pubblici, stazioni della metropolitana, scuole superiori e imprese.

Così Siria Trezzi, consigliera delegata ai trasporti e alla mobilità della Città Metropolitana di Milano: «Come prevedevo è stata alta l'adesione da parte dei Comuni, che stanno dimostrando di voler cogliere questa opportunità che ha anche il merito di diffondere la cultura dell'utilizzo della bicicletta in una logica di integrazione con il trasporto pubblico locale».

Prosegue il sindaco cinisellese: «Spero che nei prossimi giorni altri Comuni aderiscano, perché insieme si è più forti e soprattutto si rende un servizio migliore alle nostre comunità. Questo può essere il primo passo per una rivoluzione copernicana dei trasporti nel nostro territorio».

Ma non solo, prosegue Trezzi: «Può essere la risposta a una domanda di allargamento e di inclusione su area vasta che proviene con sempre maggiore forza dai cittadini del territorio: allargamento dei servizi dal capoluogo all'area metropolitana e inclusione dei cittadini dell'area vasta nelle "best practices" della città».

Prosegue Arianna Censi, vice sindaca della Città Metropolitana di Milano: «Questa iniziativa, che definirei una "rivoluzione dolce" in termini di mobilità sostenibile, ribadisce l¹impegno della Città Metropolitana nel miglioramento della qualità dell'aria attraverso la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera».

Ancora la vice sindaca: «Con la regia della Città Metropolitana i Comuni collegandosi in rete possono attivare iniziative e servizi che oggettivamente migliorano la qualità della vita dei cittadini».

Nelle prossime settimane, dopo la sottoscrizione del Protocollo di Intesa, per poter far partire il servizio allargato ai Comuni aderenti, il Comune di Milano e la Città Metropolitana di Milano si faranno promotori di un nuovo bando per aumentare il numero di biciclette a disposizione dell'utenza ed estendere su tutto il territorio metropolitano il servizio e le opportunità che esso genererà.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bike sharing free floating arriva in 60 Comuni dell'hinterland, tra questi c'è Cinisello

MilanoToday è in caricamento