Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Equazione del ribaltone per Cinisello Balsamo Civica, attacco al centrodestra e a M5S

La lista civica "Cinisello Balsamo Civica", emanazione dell'ex sindaco Siria Trezzi e quindi quasi un tutt'uno con il Partito Democratico, ha teorizzato la cosiddetta "equazione del ribaltone" che con ironia dà una stilettata alla coalizione di maggioranza e M5S

La sala consiliare di Cinisello Balsamo

La lista civica "Cinisello Balsamo Civica", emanazione dell'ex sindaco Siria Trezzi e quindi quasi un tutt'uno con il Partito Democratico, ha teorizzato la cosiddetta "equazione del ribaltone" che con ironia dà una stilettata alla coalizione di maggioranza e al MoVimento 5 Stelle.

Così la lista nel comunicato che riportiamo per intero: «Carissimi cittadini, il primo consiglio comunale a Cinisello Balsamo dà già sfoggio di enormi capacità matematiche. Abbiamo passato la notte insonne per cercare una spiegazione e ci siamo arrivati: l'asse M5S-Lega si è instaurato anche a Cinisello Balsamo. Proviamo a vedere come funziona:

1. In consiglio comunale la maggioranza di centrodestra ha 15 consiglieri, più il sindaco, per un totale di 16 voti disponibili. 15+1=16. L'equazione perfetta! La minoranza invece ne ha 9. Totale dei voti: 25.

2. Si mette alla prova l'equazione perfetta nella votazione del presidente del consiglio comunale (normalmente espresso dalla maggioranza)

3. Colpo di scena! Forza Italia non partecipa alle votazioni per la presidenza del consiglio comunale, dichiarando apertamente che gli accordi erano differenti. La maggioranza perde 2 voti. L'equazione diventa imperfetta. 15+1-2=14. Brutta storia!

4. Se non partecipano, anche il totale dei voti si abbassa, da 25 a 23. E il quorum per l'elezione alla prima votazione è dei 2/3, e 2/3 di 23 fa 15,3, quindi servono 16 voti per eleggere il presidente al primo colpo. Qua si rischia, ne hanno 14 sulla carta.

5. Allo spoglio il candidato della maggioranza alla presidenza prende comunque 16 voti. Quindi da 15+1-2=14 si passa a 15+1-2+2=16. Evviva!

6. Ma come...da dove arrivano questi 2 voti...quindi qualcuno della minoranza lo ha votato. Ma chi? Non il centrosinistra, che ha votato compatto non indicando nessun nome. E sono 7 voti...quindi per sottrazione si arriva alla soluzione dell'arcano. I Cinque Stelle sono proprio 2.

7. Il principio di addizione e sottrazione dà atto quindi che a FI nella maggioranza si sostituisce il M5S che così assicura la carica di presidente del consiglio comunale alla Lega.

8. Come già raccontato, la Lega si sdebita, condizionando la scelta del rappresentante di minoranza alla vicepresidenza del consiglio comunale: votano il consigliere capogruppo del M5S Maurizio Zinesi, senza che lui si sia proposto. Tutto torna!

9. Il motivo? Nel post pubblicato dei Cinque Stelle
(nella foto qui sotto): una poltrona in cambio di qualche punto di programma. Prendiamo atto che di minoranza ne esiste quindi solo una, il centrosinistra. Prendiamo atto che la presidenza del consiglio comunale è tutta di maggioranza, e che nessuno vigilerà sull'organizzazione dei lavori del consiglio».

post MoVimento 5 Stelle cinisello Maurizio Zinesi vice presidente-2

Intanto la rappresentante della lista civica in consiglio comunale (l'ex assessore Gianfranca Duca) fa la sua dichiarazione d'intenti per i prossimi 5 anni: «Mi impegnerò a fare opposizione in modo serio e ponderato cercando di portare avanti una visione di città inclusiva, aperta e solidale. Insieme con le persone che mi hanno sostenuto e confrontandomi con i compagni di viaggio della nostra lista. Avanti così».

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Equazione del ribaltone per Cinisello Balsamo Civica, attacco al centrodestra e a M5S

MilanoToday è in caricamento