Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

I cittadini si trasformano in "sentinelle della legalità" segnalando anomalie alla polizia

L'amministrazione comunale, con il coinvolgimento della polizia locale, si impegna a promuovere la costituzione delle reti “Gruppi di di controllo di vicinato”, con l'individuazione di uno o più coordinatori tra i cittadini delle aree interessate

Giuseppe Berlino dopo la firma del protocollo in prefettura

Osservare e informare: questi i due elementi chiave del progetto di sicurezza partecipata “Controllo di vicinato” che nella mattinata di giovedì 12 luglio è stato presentato in prefettura e vede come collaboratori i cittadini che si trasformano in sentinelle della legalità.

Cinisello Balsamo, insieme ad una quarantina di Comuni, ha sottoscritto il protocollo d'Intesa che ne disciplina le attività e stabilisce le modalità di azione. Presente all'incontro con il prefetto di Milano Luciana Lamorgese il vice sindaco con delega alla olizia locale Giuseppe Berlino.

Proprio Berlino ha spiegato: «Il protocollo punta ad incrementare le condizioni di sicurezza dei diversi quartieri cittadini, che verranno espressamente indicate e ratificate in sede di "Comitato Provinciale per l'Ordine e la Sicurezza Pubblica", valorizzando percorsi di partecipazione diretta dei cittadini alla cura e al controllo del territorio».

Prosegue il vice sindaco: «I cittadini diventano in questo modo attori della sicurezza che segnalano alla polizia locale situazioni critiche o comportamenti anomali, contribuendo ad aumentare il livello di sicurezza della comunità».

Nello specifico, l'amministrazione comunale, con il coinvolgimento della polizia locale, si impegna a promuovere la costituzione delle reti “Gruppi di di controllo di vicinato”, con l'individuazione di uno o più coordinatori tra i cittadini delle aree interessate.

I cittadini potranno svolgere un'attività di mera osservazione, segnalando agli agenti di polizia locale, attraverso i propri coordinatori, situazioni attinenti la sicurezza urbana e il degrado sociale. Non dovranno però assumere comportamenti incauti o imprudenti, che potrebbero determinare situazioni di pericolo per sé o per gli altri.

Per le segnalazioni dovranno essere utilizzato strumenti tecnologici, quindi si può pensare all'impiego del telefono, di whatsApp o di altri dispositivi che consentano di fare rete. E' vietato l'utilizzo di uniformi, emblemi, simboli, o altri distintivi e denominazioni riconducibili a forze dell'ordine, ma anche a partiti o movimenti politici o sindacali. No anche alle sponsorizzazioni private. Così come è esclusa qualsiasi iniziativa privata di pattugliamento del territorio.

Il sindaco Giacomo Ghilardi, che ha tenuto per sè la delega alla sicurezza, è intervenuto sul tema: «L'istituzione del controllo del vicinato è un punto importante del nostro programma elettorale che andrà a integrare provvedimenti importanti sul tema di sicurezza che promuoveremo nel corso della legislatura atti a garantire un maggiore presidio e controllo del territorio. Uno strumento importante che viene introdotto a Cinisello Balsamo per fronteggiare i tanti fenomeni che generano insicurezza e degrado e che coinvolge il cittadino rendendolo parte attiva».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cittadini si trasformano in "sentinelle della legalità" segnalando anomalie alla polizia

MilanoToday è in caricamento