Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Viale Friuli

Fronte della Rinascita: «Scontro politico sulla nuova piazza è svilente»

La lista civica polemizza: «Tutti vogliono intestarsi la paternità dell'opera e si finisce per svilire un importante vittoria per un quartiere spesso dimenticato, degradato e pieno di problematiche irrisolte da decenni»

Nei giorni scorsi si è assistito all'inaugurazione della nuova piazza pubblica sopraelevata nel quartiere Crocetta e la lista civica "Fronte della Rinascita" commenta la notizia con un comunicato che esprime soddisfazione per il lieto evento, ma punzecchia il Partito Democratico non solo per aver rivendicato la paternità dell'opera, ma per come ha lasciato gli altri quartieri cinisellesi. Qui di seguito il comunicato integrale della civica:

«Come lista civica diciamo, finalmente! Purtroppo però, quando avvengono questi importanti eventi, lo scontro politico si accende e supera i livelli di guardia».

«Tutti vogliono intestarsi la paternità dell'opera e si finisce per svilire un importante vittoria per un quartiere spesso dimenticato, degradato e pieno di problematiche irrisolte da decenni».

Quindi, ricapitolando, vero che il progetto iniziale risale alla giunta Gasparini, altrettanto vero che questa giunta ha apportato importanti migliorie. Dovrebbero essere tutti contenti per il bene della città, invece volano gli stracci».

«Di contro le vecchie giunte di sinistra, che tanto sbraitano adesso per prendersi i meriti, dimenticano di elencare le sonore sconfitte riportate negli anni passati, i danni arrecati al quartiere Robecco sono sotto gli occhi di tutti, a oggi ancora senza soluzione, con il risultato di un quartiere perennemente area di cantiere abbandonata, piena di rifiuti e senza servizi pubblici utili ai residenti, totale assenza di negozi e aziende che hanno chiuso da anni e sono emigrate altrove, causa anche i disagi degli anni passati».

«Stessa cosa nel quartiere Bettola zona Auchan, tutto all'abbandono e pieno di discariche abusive, Il progetto completamente fermo, come quello della metropolitana adiacente, nel quartiere Lincoln, dimenticato da decenni , dove per tagliare una pianta che invade la strada, passano anni e a oggi ancora il nulla».

«E si prosegue con Campo dei Fiori, dove le piante posizionate decenni fa, hanno distrutto con le loro radici i marciapiedi, i muri di cinta delle abitazioni private, arrivando fino agli scantinati».

«Potremmo andare avanti per ore, ma ci fermiamo qua per adesso. Chiudendo diciamo, va bene intestarsi i meriti quando le cose vanno bene, ma ogni tanto i predecessori di questa amministrazione, dovrebbero ricordare anche le problematiche irrisolte da decenni, che loro non hanno saputo gestire e risolvere».

«L'attuale giunta poteva e doveva fare di più? Certamente, tutti possono fare meglio, per adesso accontentiamoci di questa inaugurazione per il bene della Crocetta, sperando che la nuova area, venga costantemente sorvegliata e non diventi come parte del quartiere, area di bivacchi notturni e atti di vandalismo. Per gli altri quartieri restiamo in vigile attesa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fronte della Rinascita: «Scontro politico sulla nuova piazza è svilente»
MilanoToday è in caricamento