menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'auditorium del centro culturale il Pertini

L'auditorium del centro culturale il Pertini

Cinisello onora Falcone e Borsellino intitolandogli l'auditorium de il Pertini

Nel giorno dell'anniversario della strage di Capaci, venerdì 19 luglio, Cinisello Balsamo ricorda le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, il loro operato e il sacrificio della vita nella lotto contro la mafia, intitolandogli l'auditorium del centro culturale

Nel giorno dell'anniversario della strage di Capaci, venerdì 19 luglio, Cinisello Balsamo ricorda le figure di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, il loro operato e il sacrificio della vita nella lotto contro la mafia.

Era il 19 luglio 1992 quando il giudice Paolo Borsellino perse la vita per mano di "Cosa Nostra", dopo soli 57 giorni dalla morte del suo amico e collega Giovanni Falcone. Entrambi avevano fatto parte del pool antimafia di Palermo e costruito l'impianto del maxiprocesso.

L'amministrazione comunale di Cinisello Balsamo ha deciso di dedicare a questi due uomini un luogo particolarmente significativo della città. Ha scelto uno spazio come l'auditorium del centro culturale il Pertini, che ospita numerose persone (adulti, giovani e bambini) durante diversi incontri e spettacoli, che sicuramente possono diventare occasioni per far risuonare i nomi di Falcone e Borsellino.

intitolazione auditorium il pertini cinisello falcone-borsellino-2

Il sindaco Giacomo Ghilardi spiega: «La scelta di dedicare l'auditorium a due giganti della lotta alla mafia è il segno tangibile di un impegno che come amministrazione ci assumiamo, anche in chiave culturale. Un impegno che rappresenta uno sprone a tutti noi a fare altrettanto nel nostro agire quotidiano. Vogliamo che tutti i cittadini, e in particolare i giovani, abbiano contezza del sacrificio e ne conservino la memoria».

Prosegue il primo cittadino: «Oggi noi intitoliamo a Falcone e Borsellino questo auditorium, ma con loro ci sono altri uomini e donne che hanno seguito il loro esempio: altri magistrati, mogli, famiglie, uomini della scorta, imprenditori, politici, giornalisti, liberi cittadini».

Ghilardi continua: «Un esercito del bene che ha combattuto contro la mafia e che, come Falcone e Borsellino ha perso la vita. Loro sono il simbolo di questa battaglia, nella quale Cinisello Balsamo vuole essere in prima fila».

La cerimonia si svolgerà a partire dalle ore 18, durante questo momento l'amministrazione comunale porgerà anche un particolare ringraziamento al luogotenente Bernardo Aiello, comandante della locale stazione dei carabinieri che, lo scorso 25 giugno, è stato insignito del titolo di "Cavaliere Ordine al merito della Repubblica Italiana".

Conclude Ghilardi: «Abbiamo voluto indicare un esempio concreto di servizio allo Stato e di dedizione al proprio lavoro. Una figura a noi vicina, significativa per la nostra città e amata dai concittadini. Un rappresentante delle forze dell’ordine, un uomo prima di tutto, che, oltre alla divisa, ha mostrato grandi doti umane nel porsi sempre a fianco delle persone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

Un uomo è rimasto incastrato col pene nel peso di un bilanciere

Coronavirus

Lombardia zona gialla: cosa potrebbe riaprire dal 26 aprile

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento