Martedì, 18 Maggio 2021
Cinisello Balsamo Via Giovanni Frova, 26

Addizionale Irpef 2021, M5S: «Giunta Ghilardi non mantiene la promessa di abbassarla»

Il consigliere comunale di M5S Vavassori: «Durante la discussione del bilancio nel 2020 era stato approvato un ordine del giorno in cui la giunta Ghilardi aveva promesso solennemente che nel 2021 avrebbe ripristinato le condizioni del 2018 comprese le esenzioni. Invece…»

E' polemica sull'addizionale Irpef del 2021

Sul tema dell' addizionale Irpef il MoVimento 5 Stelle attacca la giunta di centrodestra a Cinisello Balsamo accusandola di non volere mantenere le promesse fatte nel 2020 «continuando a tassare i più deboli».

Così il consigliere comunale pentastellato Luigi Andrea Vavassori nel comunicato che riportiamo integralmente:

 «Ghilardi tassa ancora i piu’ deboli. Mercoledi 7 Aprile 2021 la giunta Ghilardi ha presentato in commissione affari generali la proposta per l’addizionale Irpef 2021».

«L’anno scorso la giunta Ghilardi aveva aumentato l’addizionale Irpef per i cittadini dallo 0,07% allo 0,08% ed aveva eliminato le esenzioni per i redditi fino a 15.000€ lordi/anno».

«L’aumento lo giustificavano con la necessità di coprire il buco di bilancio di 5.565.313 euro causato dalla sentenza del "Lodo Caronte" e cosi’ avevano prelevato dalle tasche dei cittadini circa 2 milioni di euro».

«Durante la discussione del bilancio era stato approvato un ordine del giorno in cui la giunta Ghilardi aveva promesso solennemente che nel 2021 avrebbe ripristinato le condizioni del 2018 comprese le esenzioni».

«Quello che allora aveva indignato il M5S era che toglievano le esenzioni per i redditi più bassi (pensionati, lavoratori precari, etc…) per cui i circa 19.000 cittadini (che avendo un reddito inferiore ai 15.000 euro fino ad allora non pagavano l’addizionale Irpef) avevano avuto una batosta economica di circa 1.000.000 di euro».

«Oggi abbiamo scoperto che la giunta Ghilardi per salvare la faccia ridurrà l’aliquota allo 0,075% (500.000€ in meno) ma non ripristinerà le esenziono per i redditi inferiori ai 15.000 euro».

«Quindi i circa 19.000 cittadini più deboli e fragili continueranno a pagare il salasso di 1.000.000 euro. Quest’anno non c’è il buco della Caronte come giustificazione, ma la giunta continua a tassare i più deboli».

«Se l’aliquota rimanesse per quest’anno allo 0,08%, ma si reintroducesse l’esenzione la differenza da coprire sarebbe di soli 500.000 euro che in un bilancio di quasi 100 milioni si potrebbero trovare magari riducendo le spese per la sicurezza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Addizionale Irpef 2021, M5S: «Giunta Ghilardi non mantiene la promessa di abbassarla»

MilanoToday è in caricamento