menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legambiente: «Votate il Pgt tenendo conto dei cittadini»

Sulla discussione del Pgt di Cinisello Balsamo interviene anche la Legambiente cittadina. L'organizzazione cittadina si schiera contro quanto prevede il Piano di Governo del Territorio

Sulla discussione del Pgt (piano di governo del territorio) che stanno infiammando la politica locale di Cinisello Balsamo interviene anche la Legambiente cittadina.

L'organizzazione cittadina, in vista dei consigli comunali che dalla serata di lunedì 14 ottobre si terranno a Cinisello sul Pgt, indice una mobilitazione cittadina tramite un comunicato stampa.

Questa la richiesta: «Chiediamo all’amministrazione comunale ed all’attuale maggioranza di centrosinistra un ripensamento di tutto cio’ e di votare tenendo conto le numerose richieste pervenute in ambito cittadino tese ad un forte ridimensionamento dei volumi insediabili».

Questi i motivi: «Il Pgt in discussione prevede, a discapito di una situazione ambientale sotto l’occhio di tutti (inquinamento atmosferico fuori legge per gran parte dell’anno, mobilità difficile, parcheggi quasi introvabili, consumo di suolo già elevatissimo fin d’ora, centinai di alloggi sfitti, ma con affitti spesso improponibili e una densità urbanistica molto pesante), una vera e propria colata di cemento».

Legambiente si schiera così contro a quanto prevede l'attuale Pgt che sta per andare in discussione con un elenco di situazioni non di proprio gradimento: «Contro le edificazioni residenziali per migliaia e migliaia di nuovi abitanti (6-8.000 teorici) in tutta la città; contro i nuovi e ulteriori centri commerciali grandi come quelli già presenti sul nostro territorio; contro le edificazioni fin nel centro storico della città (per esempio nella Piazza del Palazzetto dello Sport e nel parcheggio del Comune di fronte alla Monte Ortigara); contro gli altri grattacieli nel quartiere Crocetta; contro le decine di palazzi nell’area dell’ex Ovocoltura; contro le ex fabbriche trasformate in enormi condomini con centinaia di appartamenti; contro l’area del parco di Villa Ghirlanda, dove si sono fatte fino a ora le feste di partito e delle associazioni, trasformata in un parcheggio che sostituisce quello attuale tra il parco ed il Comune perché lì verranno costruiti altri nuovi palazzi».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento