menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il MoVimento attacca sull'Irpef

Il MoVimento attacca sull'Irpef

M5S: «Aumenta l'Irpef a causa di tanta incapacità e superficialità»

Il MoVimento attacca l'amministrazione comunale sul bilancio e l'aumento dell'Irpef: «Questa tassazione colpisce in modo non scaglionato redditi da lavoro dipendente e pensioni per il 91.5% del gettito»

Anche il MoVimento 5 Stelle entra a gamba tesa nell’argomento del momento a Cinisello Balsamo: l’aumento di un punto percentuale sull’Irpef (lunedì 29 il consiglio comunale ad hoc).

Così i grillini: «Non più di sei mesi fa, alla vigilia delle Elezioni Europee, la nostra città è stata invasa da cartelloni che annunciavano “Senza Tasi si può”. Con questo slogan, l’amministrazione comunale rendeva noto ai cittadini che la famosa Tasi non sarebbe stata applicata».

Continuano i pentastellati: «Dopo un primo momento di generale soddisfazione, al rientro dalle ferie sono arrivare le sorprese. Il Comune di Cinisello Balsamo presenta un cospicuo buco di bilancio a cui, nonostante le numerose richieste, non sono state date spiegazioni. A nulla sono valse le rimostranze in consiglio comunale del Movimento 5 Stelle sulle incongruenze di bilancio al 30 giugno».

Spiega il MoVimento: «La diretta conseguenza è che, per tappare il buco di bilancio, l’amministrazione ha indetto una conferenza stampa per annunciare di essere “costretta” ad aumentare l’aliquota addizionale Irpef di un punto, portandola quindi dallo 0,7% a 0,8%, un indice tra i più alti del comprensorio di Milano. Questa tassazione colpisce in modo non scaglionato redditi da lavoro dipendente e pensioni per il 91.5% del gettito».

Incalzano i grillini: «Ma non è tutto. L’amministrazione metterà in atto politiche di contenimento della spesa pubblica che, in parole povere, porteranno a un significativo abbassamento del livello qualitativo dei servizi erogati ai cittadini, se non addirittura alla soppressione di alcuni servizi da definire».

E ancora: «Ai cittadini vengono richiesti ulteriori sacrifici, senza ottenere in cambio i servizi dovuti, e senza vedere il medesimo sacrificio da parte della classe dirigente».

Poi l’attacco: «L’incompetenza, la superficialità e soprattutto l’indisponenza di alcuni amministratori tra cui il vice sindaco (Luca Ghezzi, ndr), responsabile del bilancio e incapace di dare spiegazioni a un gruppo di “dilettanti allo sbaraglio” muniti di dati e conti, porteranno ad abbassare ancora di più il potere d’acquisto dei cittadini».

Chiude il comunicato: «Il Movimento 5 Stelle si batterà, come sempre, con tutti i mezzi a favore dei cittadini contro questa tassazione “invisibile”, difficile da accettare, ingiusta e controproducente. E soprattutto, cercherà di mantenere, se non addirittura migliorare, la qualità dei servizi offerti ai cittadini».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento