Cinisello BalsamoToday

Chiusura notturna di 6 mesi per il self-service in piazza Costa, Trezzi: «E' un esperimento»

L'ordinanza (che durerà 6 mesi) stabilisce la chiusura del punto vendita tra le 23.30 della sera e le 6.30 del mattino. Il sindaco Trezzi: « L'ordinanza è sperimentale per verificare se la chiusura favorirà l'allontanamento dei giovani che di notte disturbano chi vive sulla piazza»

Una panoramica di piazza Costa a Cinisello Balsamo

In questi giorni a Cinisello Balsamo sta montando la polemica e la discussione sulla decisione dell'amministrazione comunale di chiudere al pubblico il locale self-service che distribuisce caffè a tutte le ore del giorno e della notte in piazza Andrea Costa.

L'ordinanza (che ha la durata di 6 mesi) stabilisce la chiusura del punto vendita tra le 23.30 della sera e le 6.30 del mattino, arrecando sicuramente un danno commerciale per il punto vendita, e ha l'obiettivo di mettere fine al ritrovo di giovani che disturbano la quiete pubblica (notturna) dei residenti che abitano sulla piazza che più volte si sono lamentati.

I "molestatori notturni" negli anni sono stati spesso identificati e a volte è scattata anche qualche multa, ma ciò non ha portato i giovani a spostarsi dal loro ritrovo abituale in piazza.

Da qui è nata la polemica da parte in primis del proprietario del locale self-service Ernesto Ventura che, in un'intervista rilasciata al quotidiano il Giorno, ha spiegato: «Io vengo punito dal sindaco con un’ordinanza che non ha senso. Tanto più che mi si ordina di tenere chiuso fino alle 7.30 del mattino, quando i bar aprono un’ora prima e in questo modo mi si impedisce di vendere anche quei caffè che potrei offrire ai miei clienti all’alba».

Sulla polemica è intervenuta per soffiare sul fuoco il sindaco Siria Trezzi in prima persona che, sempre interpellata, ha spiegato: «Non è nostra intenzione accanirci con un commerciante. L'ordinanza è stata proposta in modo sperimentale per verificare se la chiusura del punto vendita favorirà l'allontanamento delle compagnie di giovani che ogni notte si assiepano davanti a quel negozio disturbando chi vive nei dintorni».

Se l'esperimento dovesse fallire, continua Trezzi, «provvederemo a togliere l'ordinanza, che comunque ha una durata di 6 mesi, e ad attuare altri strumenti, ma la legge in questo caso non aiuta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento