Sabato, 16 Ottobre 2021
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Via XXV Aprile

Il PD sulla "Woodstock negata": «Altra prova che la giunta è contro la cultura libera»

Il capogruppo del PD Catania attacca la giunta di centrodestra dopo il "niet" alla celebrazione di Woodstock in Villa Ghirlanda: «Dopo i gruppi di lettura, le lezioni di italiano per stranieri e la proiezione di film LGBT, un altro no che la dice lunga sull’idea di cultura della giunta»

Dopo il flash-mob organizzato da "Up-Unione Popolare" come iniziativa solidale nei confronti di Ivano Bison e della sua celebrazione di Woodstock in Villa Ghirlanda che non ha avuto il via libera dal Comune di Cinisello Balsamo, arriva l'endorsement del Partito Democratico cinisellese.

A parlare è il capogruppo del PD Andrea Catania, non presente domenica alla manifestazione musicale di protesta indetta nello spazio tra il Comune e il Pertini: «Un grazie a Ivano Bison e a chi ha manifestato per la cultura libera».

Prosegue l'ex assessore alla cultura: «Non ho potuto partecipare perché ero via per il weekend, ma sono felice della bella partecipazione davanti al Pertini a sostegno di Ivano Bison, che si è visto negare la possibilità di organizzare nella giornata di domenica un concerto per ricordare i cinquant’anni di Woodstock, per “presunti” problemi burocratici».

Catania spiega: «Un concerto a cui avrebbero partecipato a titolo gratuito più di settanta musicisti. Chi conosce Ivano sa che sarebbe stato un grande appuntamento, una occasione per ricordare e per stare insieme».

Poi attacca il centrodestra che governa Cinisello Balsamo: «Dopo i gruppi di lettura, le lezioni di italiano per stranieri al Pertini e la proiezione di film a tema LGBT, un altro no che la dice lunga sull’idea di cultura e di collaborazione con il territorio che ha questa giunta».

Infine chiude: «Grazie a Ivano e ai tanti cittadini che hanno manifestato per dare un segnale alla città».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il PD sulla "Woodstock negata": «Altra prova che la giunta è contro la cultura libera»

MilanoToday è in caricamento