rotate-mobile
Martedì, 28 Giugno 2022
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Via XXV Aprile

La Tua Città entra in Fratelli d'Italia, il PD: «Giunta più spostata su posizioni estreme»

Il PD critica la lista civica: «Con questa scelta politica l'equilibrio della giunta si sposta decisamente a destra, con il duopolio Lega-Fratelli d'Italia in primo piano e le forze moderate messe in secondo piano»

Il Partito Democratico di Cinisello Balsamo fa la sua valutazione politica sulla scelta della lista civica "La Tua Città" di confluire nel partito Fratelli D'Italia di Giorgia Meloni.

Qui l'analisi completa del PD:

«Nella giornata di sabato mattina, davanti a rappresentanti storici della destra missina, come Daniela Santanchè e Ignazio La Russa, è stata resa nota una notizia che era nell’aria ormai da un po’ di tempo: la lista civica “La Tua Città”, che esprime il vice sindaco, un assessore e tre consiglieri comunali, chiude i battenti e si trasforma in Fratelli d’Italia».

«A chi sceglie di avviare un nuovo percorso va il nostro rispetto e l’augurio di buon lavoro. Resta la valutazione politica. Oggi l’equilibrio della giunta stessa si dimostra pesantemente spostato a destra, quasi un duopolio Lega-Fratelli d’Italia, con le forze più moderate in una posizione di secondo piano: sindaco e tre assessori di derivazione leghista, vicesindaco e due assessori espressione del partito della Meloni».

«Se a questo aggiungiamo che lo stesso amministratore delegato della Nord Milano Ambiente è anche il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia emerge chiaramente il nuovo posizionamento politico dell’amministrazione».

«Siamo preoccupati che questo sbilanciamento a destra, in realtà già visto con l’apertura del dialogo tra sindaco e Casapound e in altre occasioni, si traduca anche dal punto di vista amministrativo sulla tipologia e qualità delle politiche sociali e culturali e nel rapporto con il tessuto associativo».

«Concludiamo esprimendo il nostro cordoglio per la fine prematura della lista "La Tua Città" che, dopo aver rivendicato per anni la sua vocazione civica autentica, rischia di passare alla storia come la zattera di salvataggio che ha consentito al vice sindaco di traghettarsi verso nuovi lidi politici e future prospettive di carriera e a due consiglieri comunali di passare nell’arco di pochi anni dal PD alla destra estrema, rinunciando a portare avanti i principi in cui dicevano di credere pur di avere un posto in consiglio comunale».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Tua Città entra in Fratelli d'Italia, il PD: «Giunta più spostata su posizioni estreme»

MilanoToday è in caricamento