rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Via XXV Aprile

Il PD attacca Ghilardi: «Uso propagandistico improprio di nome e stemma del Comune»

A fare scatenare l'accusa è un post, pubblicato sui social network, da Ghilardi stesso, in cui si mostra la foto del sindaco assieme a Salvini con la scritta «Non mollare» accompagnata dallo stemma del Comune di Cinisello Balsamo

Il Partito Democratico di Cinisello Balsamo accusa il sindaco Giacomo Ghilardi di uso improprio dello stemma del Comune per fare propaganda alla Lega e al suo leader Matteo Salvini.

A fare scatenare l'accusa è un post, pubblicato sui social network, da Ghilardi stesso, in cui si mostra la foto del sindaco assieme a Salvini (risalente al periodo pre-elettorale nel 2018) con la scritta «Non mollare» accompagnata dallo stemma del Comune di Cinisello Balsamo, con la scritta "Comune di Cinisello Balsamo" e la firma di Giacomo Ghilardi.

Ghilardi ha pubblicato questa immagine accompagnandola dalla scritta «Matteo Salvini è stato nuovamente accusato per sequestro di persona nel caso "Sea Watch". Per il bene di questo Paese non mollare».

ghilardi salvini-2

Da qui la reazione del PD: «In questi giorni sulla pagina del sindaco di Cinisello Balsamo sono comparsi post abbelliti con una cornicetta contenente sia lo stemma che la scritta Comune di Cinisello Balsamo. Lo stemma, oltre ad identificare i colori e la storia del nostro glorioso Comune rappresenta la città e i cittadini in tutte le manifestazioni in cui esso viene utilizzato».

Proseguono dal PD: «Non è istituzionalmente corretto utilizzare il ruolo pubblico di primo cittadino per difendere, dietro al simbolo del Comune, posizioni politiche che nulla hanno a che vedere con l'amministrazione. In questo caso particolare lo stemma del Comune viene usato per "difendere" il leader politico della Lega attaccando invece la magistratura che ha costituzionalmente un ruolo di garanzia autonomo e indipendente dal potere politico».

Il PD incalza: «Nell'uso improprio dello stemma il sindaco mostra una totale mancanza di rispetto verso tutti quei cittadini che non si rispecchiano nei valori fondanti il suo partito, la Lega. Un sindaco, nell'amministrare e nel rappresentare una città, deve essere super partes e deve farlo nell'interesse di tutti, invece anche stavolta ha creato una divisione all'interno della città, sostenendo istituzionalmente un partito che nulla a che spartire con i principi e valori sanciti nel nostro statuto comunale».

Infine chiude: «Chi ha autorizzato il sindaco all’utilizzo sconsiderato dello stemma del Comune per fini non istituzionali? Ricordiamo al sindaco che lo stemma del Comune identifica tutti i cittadini e non può essere sbandierato per meri interessi di partito».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il PD attacca Ghilardi: «Uso propagandistico improprio di nome e stemma del Comune»

MilanoToday è in caricamento