Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Tassa di successione e immigrazione, è scontro tra Ghilardi e Gasparini

Ghilardi: «Sono stato criticato da chi, dall’alto del suo scranno e del suo stipendio, predica il valore dell’accoglienza. Cara Gasparini quanti ce ne stanno a casa tua con una villa in città, una villa al mare e un vitalizio da parlamentare?». Gasparini replica: «Sindaco, basta fake news! »

Dal tema immigrazione è partita una polemica tra Ghilardi e Gasparini

E' scontro tra il sindaco Giacomo Ghilardi e l'ex prima cittadina cinisellese Daniela Gasparini su tassa di successione e immigrazione. A inziare la querelle è l'attuale sindaco leghista che in lungo post sui social parla a tutto tondo delle due tematiche e attacca duramente Gasparini.

Queste le parole di Ghilardi:
«Il PD è allo sbando e tenta di recuperare con le solite dichiarazioni lontane dalla realtà quotidiana. Letta, segretario del PD, prima vuole inserire una nuova patrimoniale e poi si accanisce sui cittadini colpiti da lutto familiare con la proposta di introdurre la tassa di successione».

«In Italia la maggior parte dei patrimoni sono frutto di risparmi e del lavoro di piccole e medie imprese, che hanno il più alto livello di tassazione nel mondo, creano lavoro, per sé e per i propri dipendenti, creando valore anche per i giovani».

«Ma si sa, l’assistenzialismo fine a sé stesso è per il PD la soluzione a tutti i problemi e non lo è la dignità di un lavoro. Bene ha fatto Mario Draghi a dire che è il momento di dare e non di togliere. Questo è il momento di investire in maniera strutturale e strategica per dare un futuro ai nostri giovani. Ai nostri giovani, che sono tanti, e che hanno necessità di un Paese sicuro e innovativo».

«Certo è più facile fare come il Pd. All’atto pratico, è sempre un “armiamoci e partite”. Sono stato criticato per la mia dichiarazione, a nome dei sindaci lombardi, di non voler accogliere nuovi clandestini sui territori comunali, a causa del momento economico difficile delle nostre famiglie e delle nostre aziende, e non ultimo per la sicurezza».

«In Italia da settembre 2019 al 18 maggio 2021 sono sbarcati in Italia 52.845 migranti e, nonostante l’accordo di Malta, ne sono stati ricollocati in Europa solo 995. Ma come possiamo ancora permetterci, oggi, considerate le condizioni del nostro paese, di “aprire i nostri cuori e i nostri porti” come ci chiede Sophie Weidenhiller dell’ONG Sea Eye 4?».

«Il cuore va usato, insieme alla testa, per non far partire queste persone, sottoponendole a viaggi disumani, a situazioni drammatiche in mare e via terra. Accogliere a prescindere, altrimenti si è cattivi, altro non è che stimolare le continue partenze. Di alcune persone disperate, ma anche di molti delinquenti».

«Provate a chiedere alla signora che si è presa quattro colpi di kalashnikov, sopravvissuta all’attento terroristico al Museo del Bardo, in Tunisia, dove ha visto morire il suo compagno. Provate a chiederle come si è sentita quando ha saputo che il terrorista del massacro stava arrivando in Italia, clandestinamente, su un barchino».

«Facile parlare, quando non tocca a noi, direttamente, personalmente. Sono stato criticato a livello personale, anche da chi, come l’ex onorevole e sindaco Gasparini, in parlamento difendeva i vitalizi per i parlamentari per non finire a fare la “sguattera”, definizione tutta sua, utilizzata senza alcun rispetto, che dall’alto del suo scranno e del suo stipendio predica il valore dell’accoglienza e a Cinisello Balsamo regalava errori e orrori che tutt’oggi ci tocca risolvere».

«Caronte vi dice nulla? Dalle parole ai fatti passa un fiume. Cara Gasparini quanti ce ne stanno a casa tua con una villa in città, una villa al mare e un vitalizio da parlamentare?».

Daniela Gasparini ha quindi risposto a stretto giro, punto su punto:

«Sindaco, basta fake news! Le posizioni di Ghilardi e della Lega sono spesso opposte alle mie, ma questa è la normale dialettica democratica e politica, mentre le aggressioni fasulle e fuori luogo non dovrebbero entrare in nessun confronto». 

«Il sindaco Ghilardi, in un post su Facebook, esprime le proprie posizioni in merito alla tassa di successione e all’accoglienza, e simpaticamente decide anche di aggredirmi. Questo è sorprendente e sconcertante, conosco Ghilardi da anni, e ho collaborato con lui al "Tavolo delle Esperienze" fino a 15 giorni fa. Sono stupita che il sindaco di Cinisello Balsamo usi la dialettica delle fake news».

«Rispondo alle insinuazioni:
1. La mia “incredibile” pensione da parlamentare è di 1250 euro lordi. Mi dispiace ,ma non devo esagerare con le cene di lusso e gli aperitivi».

2. La mia “villa” da 50 anni è in un condominio di via Monte Grappa a Cinisello. E’ vero che da 2 anni ho anche un bilocale di 50mq in affitto a Chiavari, dove faccio la babysitter delle mie nipotine. Mi dispiace, ma niente ville, né per me né per altri della mia famiglia».

3. Per precisione, i vitalizi come il mio sono stati tagliati nel 2012, quello che il sindaco maliziosamente riporta riguarda i “vecchi” parlamentari eletti prima del 2012. E’ vero che mi ero preoccupata per chi era molto anziano e senza altri redditi. Basta vedere le date, non stavo certo difendendo me stessa, ma chiedevo equilibrio nelle scelte».

4. Sulla vicenda Caronte bastava leggere i giornali, è uscita la notizia che finalmente la giustizia ha dato ragione al Consorzio Trasporti e al Comune di Cinisello. Quindi avevo/avevamo ragione, nessun danno per la città. Penso che un sindaco attento e oculato dovrebbe informarsi bene prima di divulgare informazioni calunniose e false, non è certo il miglior modo per comunicare ai cittadini di Cinisello Balsamo».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tassa di successione e immigrazione, è scontro tra Ghilardi e Gasparini

MilanoToday è in caricamento