menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Luigi Andrea Vavassori e Maurizio Zinesi (assieme a Giancarlo Dalla Costa), in una foto di quando tra loro c'era un'unione di intenti

Luigi Andrea Vavassori e Maurizio Zinesi (assieme a Giancarlo Dalla Costa), in una foto di quando tra loro c'era un'unione di intenti

M5S spaccato in aula e nel caos, è scontro totale tra i consiglieri Zinesi e Vavassori

Il consigliere Luigi Andrea Vavassori si dissocia dal comunicato ufficiale pubblicato dal MoVimento 5 Stelle locale (scritto dal collega Zinesi) pubblicato sul profilo Facebook relativo all'esternalizzazione dell'asilo nido "Il Girasole"

Il consigliere Luigi Andrea Vavassori si dissocia dal comunicato ufficiale pubblicato dal MoVimento 5 Stelle locale pubblicato sul profilo Facebook relativo all'esternalizzazione dell'asilo nido "Il Girasole" a IPIS, accusando il proprio collega di partito Maurizio Zinesi di «emettere comunicati come se fosse del M5S, ma che riflettono in realtà solo il proprio pensiero personale».

Insomma, il MoVimento 5 Stelle ha una vera e propria frattura al proprio interno e non vuole per nulla occultarla. Bisognerà vedere se questa nel prossimo futuro sarà ricucita oppure se porterà a una fuoriuscita di attivisti.

Intanto il pensiero di Vavassori, che sull'asilo nido si è astenuto in consiglio comunale mentre Zinesi ha votato contro l'esternalizzazione, è chiaro: «Vorrei chiarire alcuni punti e per primo è che questo comunicato non rappresenta il M5S ma solo la posizione del consigliere Zinesi».

Prosegue Vavassori: «Io purtroppo per problemi familiari non ho potuto seguire e leggere in dettaglio la documentazione relativa alla delibera dell'assegnazione del nido "Il Girasole a IPIS. Precisiamo che non è una esternalizzazione perché IPIS non è una azienda privata, ma una azienda speciale posseduta da 4 Comuni (Cinisello, Bresso, Cormano e Cusano) e quindi risponde a requisiti pubblici».

Continua il consigliere pentastellato: «Ho dovuto votare astensione perché avevo delegato il consigliere Zinesi a sostituirmi a causa dei miei problemi familiari, ma purtroppo il consigliere non mi ha informato di nulla relativamente alla commissione e sulla decisione di votare contro la delibera».

Infine chiude: «In questo comunicato ci sono poi delle affermazioni che non corrispondono al vero come quella che il M5S è contro le esternalizzazioni in modo pregiudiziale. Il M5S è solo attento che i servizi al cittadino siano forniti in modo ottimale e senza sprechi».

Poi l'attacco a Zinesi si fa duro: «Il consigliere Zinesi si permette di emettere comunicati come se fossero del M5S, ma riflettono solo il suo pensiero. Questi comunicati non sono mai stati discussi nelle plenarie del M5S (a cui il consigliere Zinesi ultimamente non partecipa) ma poichè è l’unico a detenere le autorizzazioni del sito Facebook scrive ciò che vuole senza consultarsi con nessun altro».

E aggiunge: «Da tempo ho chiesto, come mio diritto di capogruppo del M5S, di avere le credenziali di proprietario del sito, ma ripetutamente il consigliere Zinesi ha rifiutato di darmi le autorizzazioni».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento