Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Il Comune: «I forni crematori sono sicuri, il terzo è un'opportunità»

Arriva la replica dell'amministrazione comunale alla polemica sollevata dalla lista civica "Cittadini Insieme" in merito allo stato dei cimiteri e alla volontà di realizzare un terzo forno crematorio a Borgo Misto

Cimiteri e degrado, la polemica continua

L’approvazione dell’ordine del giorno relativo allo studio di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione di una terza linea del forno crematorio ha suscitato la reazione della Lista Civica “Cittadini insieme”, contraria a questa idea per i disagi che comporterebbe nel quartiere Borgo Misto.

L’amministrazione comunale precisa che la costruzione di una nuova linea di forno dovrà essere autorizzata dagli enti competenti e rispetterà gli standard qualitativi e ambientali necessari così come già avviene per le due linee di forno presenti nel Cimitero Nuovo.

Le emissioni in atmosfera dell’attuale forno crematorio sono state autorizzate dalla Provincia di Milano nel 2008 e sono costantemente oggetto di manutenzione da parte dei tecnici specializzati di una società esterna.

Il controllo dei fumi viene regolarmente effettuato con cadenza semestrale e i forni operano in assoluta sicurezza, secondo i dettami indicati nelle autorizzazioni. Gli ultimi rapporti dei fumi risalgono a gennaio 2015 e risultano ben al di sotto dei limiti prescritti.

Attualmente i forni sono fermi per un importante intervento di manutenzione straordinaria programmata che riguarda la sostituzione dell'intero sistema filtrante (parti meccaniche, filtri e tramogge) con le necessarie modifiche software. Il sistema sarà di nuova generazione e garantirà una migliore efficienza dell'impianto di filtrazione e quindi livelli di emissione ancora più bassi di quelli attuali.

La proposta di realizzare una nuova linea, presentata dal Movimento 5 stelle e votata a maggioranza dal Consiglio comunale, si fonda sul fatto che le cremazioni in Lombardia sono in costante aumento, essendo passate dal 21% nel 2008 al 32,2% nel 2014, con un’ ulteriore previsione di aumento fino al 42/45% nel 2020.

“Stavamo già valutando l’opportunità della realizzazione di una nuova linea del forno – le parole del sindaco Siria Trezzi -, la proposta del Movimento 5 stelle, così attento e sensibile sui temi ambientali, avvalora la nostra scelta e ne rafforza le ragioni”.

A Cinisello Balsamo negli ultimi anni la media di cremazioni totali è stata di circa 3.500 unità con un’entrata per il Comune di 1,5 milioni di euro, a fronte di oltre 4.300 richieste all’anno che il Comune non è in grado di soddisfare.

“Questo servizio risponde a esigenze non solo della cittadinanza, ma offre un’opportunità anche ad altri Comuni della Lombardia che non possiedono tali impianti” - aggiunge l’assessore ai Servizi Cimiteriali Patrizia Bartolomeo -.

Prosegue Bartolomeo: “La realizzazione della terza linea permetterebbe di soddisfare la sempre crescente domanda; mentre parte gli ulteriori introiti per le casse comunali potrebbero essere impiegata per opere di manutenzione nei cimiteri e il miglioramento dei servizi offerti alla cittadinanza”.

Attualmente è in corso il Project financing per la costruzione del 7° lotto di colombari presso il cimitero di Piazza dei Cipressi, dove si stanno svolgendo lavori di manutenzione sulle strutture e cura del verde che si estenderanno anche agli altri cimiteri cittadini.

Prosegue inoltre l’assegnazione delle aree in concessione per la costruzione delle tombe di famiglia ipogee presso i cimiteri storici. Tra le attività in previsione l’informatizzazione dei cimiteri, la realizzazione di una carta dei servizi e la valorizzazione di alcuni spazi tra cui la sala commiato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune: «I forni crematori sono sicuri, il terzo è un'opportunità»

MilanoToday è in caricamento