Cinisello BalsamoToday

PD e "Cinisello Balsamo Civica": «Aumentata la TARI, conto salato per famiglie e imprese»

Le opposizioni di centrosinistra attaccano la giunta sui numeri della TARI: «Il conto più salato lo pagheranno le famiglie, soprattutto quelle con figli, e i commercianti, in particolare quelli al dettaglio». E svelano i dati con le proprie proiezioni della tassa

Uno dei volantini che sta circolando sui social per polemizzare contro l'aumento della TARI

Il Partito Democratico di Cinisello Balsamo e la lista civica "Cinisello Balsamo Civica", dopo l’approvazione in consiglio comunale dei nuovi coefficienti e delle nuove aliquote della tassa rifiuti, alzano i toni della polemica per i gli oneri che ne deriverebbero per i cittadini di Cinisello Balsamo.

Così dal PD: «La giunta comunale, che in campagna elettorale si è professata amica delle famiglie e dei commercianti, ha aumentato soprattutto i costi per le utenze domestiche con pesanti ricadute per le famiglie con figli e per il commercio al minuto tra le non domestiche».

Il consigliere comunale Luca Ghezzi spiega: «Aumentano senza motivo i costi della campagna informativa, della guardiania della piattaforma ecologica, servizi che avevamo già implementato negli anni passati. Di conseguenza, aumentano i costi per famiglie e commercianti. Questo mentre nel loro programma parlano di riequilibrio della tassa rifiuti, forse hanno preso lucciole per lanterne».

Nella serata di lunedì 4 marzo, durante il consiglio comunale, il Partito Democratico e la lista civica hanno richiesto le proiezioni dei costi per i cittadini con le nuove disposizioni ma, spiegano in coro unanime, «contro ogni principio di trasparenza, la giunta comunale si è rifiutata di fornirli».

Ecco che allora PD e civica pubblicano gli aumenti secondo i propri calcoli:
• Famiglia di 3 persone con box: + 37 euro
• Famiglia di 5 persone con box: + 63 euro
• Ristorante di 100 mq: + 580 euro
• Bar, pasticceria di 100 mq: + 410 euro
• Ortofrutta-pescheria di 100 mq: +750 euro

I capigruppo Andrea Catania (PD) e Gianfranca Duca ("Cinisello Balsamo Civica") chiosano: «Il conto più salato lo pagheranno le famiglie, soprattutto quelle con figli, e i commercianti, in particolare quelli al dettaglio».

E terminano: «Per una giunta che ha fatto del sostegno alle famiglie e ai piccoli negozi il proprio cavallo di battaglia è un bel paradosso. Il bello è che su un tema come questo le associazioni dei commercianti non sono state neanche convocate per un confronto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento