rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Viale Friuli, 18

Scuola Anna Frank, polemica sul progetto di riqualificazione

L'assessore difende il progetto che riguarda la scuola: «Il destino della scuola è stato descritto in maniera del tutto fuorviante, ricordiamo che fa parte di una riqualificazione più ampia del quartiere Crocetta»

L'assessore all'istruzione Maria Gabriella Fumagalli interviene in merito al destino dell’istituto Anna Frank, di cui ha parlato martedì 7 febbraio la testata "La Città" nell'articolo "Rischia di chiudere la scuola Anna Frank" in cui a parlare sono gli attivisti del "Comitato Montessori".

Così l'assessore in un lungo e dettagliato comunicato:

«Il destino della scuola è stato descritto nell'articolo in maniera del tutto fuorviante, ricordiamo che si tratta di un progetto ben più ampio di riqualificazione del quartiere Crocetta sul quale questa amministrazione ha deciso con forza di investire 25 milioni di euro con il progetto Entangled (15 milioni), il biciplan (2,5 milioni) e l’acquisto da parte di Regione dello stabile Aler di via Friuli (8milioni)».

«Dal 2021, anno di ottenimento del finanziamento ad oggi abbiamo dialogato e interloquito con i diversi stakeholders del quartiere e, nelle prossime settimane il progetto “ Entangled”, le cui azioni sono ancora in corso di progettualità e oggetto di continue interlocuzioni con i soggetti coinvolti, sarà oggetto di nuove riunioni con tutti gli attori interessati e, a seguire, con tutta la cittadinanza».

«Pertanto quanto riportato sul giornale rispetto a un mancato coinvolgimento non corrisponde al vero. Cosi come risulta essere errata l’analisi fatta, senza consultare minimamente il progetto, rispetto all’eliminazione del modello educativo montessoriano che riconosciamo essere d’eccellenza e che intendiamo valorizzare».

«Smentiamo inoltre la notizia dello spostamento di tre classi già da aprile e dell’abbattimento della scuola Anna Frank nel mese di giugno».

«Tutte notizie errate generate probabilmente da chi più che tutelare qualcosa ha come obiettivo quello di alimentare falsi allarmismi e strumentalizzare politicamente un grande progetto che vedrà vivere servizi e azioni in spazi completamente nuovi, rigenerati e riqualificati valorizzando ciò che di positivo c’è nel quartiere».

«Rassicuriamo quindi tutti e siamo a disposizioni di chiunque necessiti di un confronto lasciando sempre la porta aperta per chiarire ogni dubbio».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola Anna Frank, polemica sul progetto di riqualificazione

MilanoToday è in caricamento