rotate-mobile
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Via XXV Aprile

L'Aut Academy si presenta, Ghilardi: «Protagonisti a livello educativo e culturale»

Nella mattinata di lunedì 7 febbraio si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto della "Aut Academy" a Cinisello Balsamo. Ecco tutti gli interventi dei presenti

Nella mattinata di lunedì 7 febbraio si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto della "Aut Academy" a Cinisello Balsamo.

Qui di seguito gli interventi più rilevanti dei partecipanti Giacomo Ghilardi (sindaco di Cinisello Balsamo), Nico Acampora (fondatore di PizzAut), Marcello Mariani (presidente fondazione Mazzini), Valeria De Cicco (assessore e presidente dell'assemblea dei sindaci di IPIS), Alessandra Locatelli (assessore alla solidarietà sociale, disabilità e pari opportunità della Regione Lombardia).

Il sindaco Giacomo Ghilardi ha spiegato: «La città di Cinisello Balsamo gioca ancora una volta un ruolo da protagonista in ambito educativo e culturale con un progetto dinamico e innovativo, dalla valenza poliedrica, che è frutto della sinergia tra istituzioni e realtà del sociale, destinato ai giovani con difficoltà del nostro territorio, che ha l'obiettivo di favorire la loro l'inclusione nel mondo del lavoro e nella società».

Nico Acampora, fondatore di PizzAut, commenta: «In Italia ci sono circa 600.000 persone autistiche mentre le opportunità di lavoro e di formazione vera sono ancora pochissime».

E prosegue: «Troppo spesso si fanno corsi rivolti ai ragazzi e alle ragazze autistiche per occupare il loro tempo libero, senza finalizzare le risorse e gli sforzi per creare un reale valore aggiunto nel mondo del lavoro».

Acampora continua: «L'accademia di PizzAut vuole invece muoversi in questa direzione in maniera concreta, come abbiamo già fatto nei mesi scorsi assumendo due ragazzi autistici nel ristorante PizzAut a Cassina de Pecchi. Due contratti di lavoro veri, due contratti a tempo indeterminato».

Il fondatore del progetto riflette: «La collaborazione con Fondazione Mazzini rappresenta un altro elemento di forte concretezza e al tempo stesso di speranza per molte famiglie, collaborazione che si impreziosisce del partenariato di aziende del settore e di amministrazioni pubbliche come la città di Cinisello Balsamo, che credono seriamente nei percorsi di inclusione e che investono risorse in questa direzione.

Acampora aggiunge: «Senza la disponibilità di risorse umane ed economiche vi è infatti il concreto rischio che la parola inclusione lavorativa si svuoti di significato diventando retorica. Il mio plauso personale va anche a Città Metropolitana e a Regione Lombardia che hanno dimostrato la concretezza di cui stavo accennando attraverso la creazione di questo bando».

Infine termina: «L'inclusione non è solo un elemento che crea condizioni di vita migliori per le persone autistiche, ma è un elemento che rende migliore la vita di ciascuno di noi».

Marcello Mariani, presidente di Fondazione Mazzini, dice la sua: «Il lavoro è l’obiettivo fondamentale al quale miriamo e con il lavoro diamo dignità alle persone. Siamo un’accademia dei talenti e dei mestieri: grazie alla collaborazione con Nico Acampora al suo progetto PizzAut Academy e alle istituzioni al nostro fianco daremo opportunità, lavoro e luce ai talenti di questi ragazzi».

Valeria De Cicco, presidente dell'assemblea dei sindaci di IPIS, argomenta: «Il progetto si propone di offrire ai giovani che soffrono di autismo l'opportunità di realizzarsi professionalmente, avere relazioni di carattere sociale e raggiungere una certa autonomia di vita, attraverso percorsi formativi personalizzati che consentono di sperimentare sul campo la propria abilità e attitudine».

Alessandra Locatelli, assessore alla solidarietà sociale, disabilità e pari opportunità della Regione Lombardia, commenta: «Oggi è una bellissima giornata perché la presentazione di questo progetto segna un nuovo importante passo per l’inclusione delle persone con fragilità in Lombardia. Siamo orgogliosi di sostenere progetti di formazione e inclusione lavorativa con finanziamenti mirati alla realizzazione di percorsi che valorizzino le abilità e le competenze dei tanti ragazzi con disturbi dello spettro autistico».

Poi prosegue: «Questo è solo l’inizio di un percorso di innovazione che Regione Lombardia intende intraprendere per offrire opportunità migliori per tutti i giovani. L’accademia formativa permetterà ai ragazzi coinvolti di crescere in termini di autonomia, sicurezza e autostima, superando anche limiti che, in prima battuta, potevano apparire come insormontabili».

Infine chiude: «Ancora una volta il gioco di squadra portato avanti da istituzioni, associazioni ed enti del territorio consente di offrire ai ragazzi e alle loro famiglie una preziosa opportunità per il futuro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Aut Academy si presenta, Ghilardi: «Protagonisti a livello educativo e culturale»

MilanoToday è in caricamento