Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Presunto reclutatore dell'Isis contatta El Santawy, che subito lo denuncia

Il ventunenne Monsef El Mkhayar, marocchino accusato di essere un foreign fighter dell'Isis, si sarebbe messo in contatto con l'ex presidente del centro culturale islamico di Cinisello Balsamo. Che però ha troncato subito ogni comunicazione andandolo a denunciare alla Digos

Usama El Santawy

Dal processo per terrorismo internazionale a carico del ventunenne Monsef El Mkhayar, marocchino accusato di essere un foreign fighter dell'Isis, emergono particolari interessanti che portano anche a Cinisello Balsamo.

In particolare il marocchino avrebbe cercato, come riporta il Giorno, nella sua presunta attività di reclutatore dell'Isis, di "arruolare" l'ex presidente del centro culturale islamico di Cinisello Balsamo Usama El Santawy.

Il marocchino, stando alle intercettazioni, avrebbe intrattenuto una discussione online con El Santawy, in cui gli avrebbe chiesto di unirsi alla Jihad. Usama El Santawy ha reagito interrompendo subito la comunicazione con lui. Poi si è immediatamente recato alla Digos denunciando il fatto e permettendo di bloccare il nordafricano.

Per risposta il marocchino lo avrebbe accusato di essere «come una donna perché invece di combattere e fare il Jihad stai in un Paese di miscredenti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunto reclutatore dell'Isis contatta El Santawy, che subito lo denuncia

MilanoToday è in caricamento