rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo / Via Antonio Pacinotti

I nomadi sgomberati in mattinata occupano subito un altro stabile

Neanche il tempo di sgomberare lo stabile industriale in via Pacinotti, che gli sgomberati hanno occupato un altro stabile nelle vicinanze. Il sindaco Trezzi: «I proprietari devono vigilare e mettere in sicurezza le loro proprietà»

Neanche il tempo di sgomberare lo stabile industriale dismesso di proprietà del gruppo Pozzoni, occupato dai nomadi in via Pacinotti in zona Robecco, che gli sgomberati hanno occupato un altro stabile nelle vicinanze.

L’operazione congiunta delle forze delle ordini locali e di quelle di Milano si è reso necessario dopo mesi di occupazione abusiva: ben 30 sono state le persone di nazionalità romena identificate in mattinata.

Il sindaco Trezzi commenta l’operazione: «Non si è trattata di un’azione improvvisata, ma programmata da tempo, in accordo con le forze dell’ordine e la proprietà, dopo un primo sopralluogo effettuato la scorsa settimana. L’operazione è stata condotta senza problemi di ordine pubblico. Le persone presenti sono state trovate in una situazione critica, di degrado e di estrema povertà».

Lo stabile liberato è ora presidiato dalle guardie giurate e nei prossimi giorni verrà ripulito e chiuso per evitare l’accesso.

Sgomberato uno stabile però, ora ne viene occupato un altro, da qui il messaggio del sindaco Siria Trezzi: «Già nel pomeriggio di giovedì 26 marzo queste persone hanno occupato un altro stabile dismesso nelle vicinanze, segno che è necessario fare un’opera di sensibilizzazione sui proprietari delle aziende perché vigilino e mettano in sicurezza i loro stabili». 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I nomadi sgomberati in mattinata occupano subito un altro stabile

MilanoToday è in caricamento