Cinisello BalsamoToday

I Comuni nel post-Covid, Ghilardi: «Avranno ruolo chiave, ma serve sostegno economico»

Il sindaco spiega: «I comuni nel post-Covid hanno un ruolo chiave, che potranno svolgere se gli verrà data la forza economica per andare incontro alle esigenze dei cittadini, per aiutare le imprese in difficoltà, per far ripartire i cantieri e sviluppare le città»

Il sindaco Giacomo Ghilardi è pronto per la ripartenza di Cinisello Balsamo

Il sindaco Giacomo Ghilardi fa una lunga riflessione sul tema dei Comuni e sul loro ruolo, di fondamentale importanza, di gestione del territorio, in questo caso della città di Cinisello Balsamo, ma per fare il proprio lavoro al meglio serve un deciso supporto economico da parte del Governo centrale. Riportiamo qui sotto integralmente i pensieri del primo cittadino in merito:

«I territori sono la chiave di svolta per infondere coraggio e ripartire con forza! Ciò che è accaduto in questo 2020 è un fatto davvero straordinario. Il lockdown ha avuto forti ripercussioni su famiglie, imprese e lavoratori».

«La chiusura di imprese, realtà commerciali e artigianali, alcune delle quali purtroppo perdurano tutt’oggi, ha causato perdite economiche ingenti con conseguenze significative su famiglie e lavoratori».

«Così come le scuole italiane interrotte bruscamente, che oggi devono riorganizzarsi per riprendere le attività. Il tutto ha necessariamente bisogno di liquidità da utilizzare attraverso una pianificazione strutturata, in maniera sinergica tra tutte le istituzioni, così da far ripartire davvero tutti».

«I comuni, ancora una volta, in queste fasi avranno un ruolo chiave, che potranno svolgere se, e solo se, avranno la forza economica per andare incontro alle esigenze dei cittadini, per implementare i servizi in maniera efficiente, sostenere la spesa sociale per chi si trova in difficoltà post Covid, stabilire delle forme di no tax per aiutare le imprese e le realtà commerciali in difficoltà, far ripartire i cantieri, sviluppare le città del domani».

«I primi fondi che il Governo ha stanziato per i Comuni, per far fronte all’emergenza, sono stati utili per tamponare l’immediato, coprire una parte delle minori entrate,organizzare i servizi essenziali in sicurezza e dar corso agli investimenti richiesti dalle nuove normative resosi necessarie».

«Dobbiamo tutti renderci conto che i costi, per ogni servizio, sono oggi molto più alti. Giusto per farvi un esempio, a Cinisello Balsamo abbiamo realizzato il progetto "CiniSummer", riguardante i centri estivi, dove, ricordo, siamo stati un Comune all’avanguardia in tutta Italia. I costi sono triplicati rispetto al passato».

«Purtroppo solo un terzo di questa somma è stata coperta con i fondi del Governo. Il restante, circa 200.000 euro, è stato sostenuto dall’amministrazione comunale. Stiamo parlando di un investimento per il futuro perché riguarda i nostri ragazzi e la loro educazione. Io per primo l’ho definito un servizio prioritario e irrinunciabile».

«Così come per le scuole che inizieranno a settembre, per il trasporto scolastico, passato dal costare 440 a 660 milioni, per le mense, per i dopo scuola e per continuare quei progetti educativi sul territorio a me molto cari, ma penso di parlare a nome di tutti i colleghi sindaci».

«Condivido quindi le dichiarazioni del presidente di Anci, Antonio Decaro. Ripartire dal piano “Città-Italia” per far ripartire il Paese. 20 dei quasi 200 miliardi del Recovery Fund devono andare ai Comuni. Non ci sono alternative se davvero vogliamo mettere benzina nel motore Italia».

«Stiamo faticando, ci stiamo ingegnando, siamo al fianco di ogni singolo cittadino, stiamo cercando alternative e non stiamo tagliando i servizi. I tempi sono cambiati, il mondo è cambiato. Non dobbiamo perdere l’occasione di fare di nuovo la storia».

«Di fare quegli investimenti che permettono davvero di risollevare l’Italia. Ma perché ciò avvenga, è necessario un piano strategico, idee forti su cui investire e un lavoro di squadra tra le istituzioni, i corpi intermedi e i cittadini. I Comuni saranno la chiave di volta concreta, come la storia insegna».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Fontana: "Milano rimane zona rossa. Governo vuole mantenerla fino al 3 dicembre"

Torna su
MilanoToday è in caricamento