Cinisello Balsamo Via XXV Aprile

Trezzi dopo il blitz di Sant'Eusebio: «Rione restituito a cittadini, incontrerò Sala di Aler»

Il sindaco di Cinisello Siria Trezzi, dopo gli arresti all'interno dei palazzoni Aler del quartiere Sant'Eusebio, ha registrato un video in cui ha espresso le sue idee e ha annunciato i prossimi passi come amministrazione per riportare il rione alla normalità

Il sindaco Siria Trezzi in un frame del video in cui parla della maxi operazione delle forze dell'ordine

Il sindaco di Cinisello Balsamo Siria Trezzi, dopo la grossa operazione delle forze dell'ordine all'interno dei palazzoni Aler del quartiere Sant'Eusebio, ha registrato un video in cui ha espresso le sue idee a riguardo e ha annunciato i prossimi passi come amministrazione comunale per riportare il rione alla normalità.

La prima cittadina nella registrazione spiega: «L'altra notte (tra lunedì 10 e martedì 11 luglio, ndr) è stato dato un duro colpo alle attività illegali svolte al'interno del quartiere (l'operazione è poi proseguita per tutto il giorno successivo, ndr) e di questo siamo contenti e soddisfatti».

Poi la rivelazione: «Sapevamo da tempo che erano riprese le attività dedicate allo spaccio all'interno dei palazzoni Aler, lo avevamo segnalato e avevamo attenzionato alle forze dell'ordine questo tema».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'intervento delle forze dell'ordine è stato «importante ed è stato dato un segnale di valore al quartiere, che è stato restituito alle istituzioni e ai cittadini onesti che continuano a pensare che la storia di quel quartiere non è solo fatta di illegalità e degrado, ma è anche una storia di bene comune, volontariato e di interesse per la propria comunità».

Poi sulle case Aler: «Gli arresti segnano un tema, le case popolari non possono essere abitazione per criminali, ma sono un servizio pubblico e devono essere date alle persone in situazione di difficoltà, di bisogno e si precarietà economica. Non possono essere uno strumento legato alle attività illegali».

C'è poi un annuncio di un futuro incontro con Mario Angelo Sala: «Ne ho parlato con il presidente dell'Aler e anche lui ha convenuto questa impostazione, già settimana prossima ci vedremo per capire come le case popolari vadano alle persone che ne hanno realmente bisogno».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Trezzi dopo il blitz di Sant'Eusebio: «Rione restituito a cittadini, incontrerò Sala di Aler»

MilanoToday è in caricamento