menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Trezzi: «Anniversario cileno riguarda da vicino anche noi»

Arte, storia e accoglienza. Sono queste le parole usate dal sindaco Siria Trezzi per ricordare i tragici avvenimenti dell’11 settembre 1973, quando in Cile le forze armate misero in atto il colpo di stato contro il presidente Salvador Allende

Arte, storia e accoglienza. Sono queste le parole usate dal sindaco Siria Trezzi per ricordare i tragici avvenimenti dell’11 settembre 1973, quando in Cile le forze armate, guidate dal generale Augusto Pinochet, misero in atto il colpo di stato contro il presidente Salvador Allende.

«Forte fu il coinvolgimento della nostra comunità, - racconta il sindaco - molte furono le iniziative politiche, culturali e di solidarietà nei confronti dei rifugiati politici cileni, alcuni dei quali vennero ospitati in città».

Continua Trezzi: «In tanti ricordano, solo due mesi dopo, il 12 novembre 1973, il grande avvenimento che vide protagonisti l’orchestra del Teatro alla Scala, Claudio Abbado e Maurizio Pollini in occasione dell’intitolazione del Palazzetto dello Sport a Salvador Allende, morto durante il golpe».

Conclude il sindaco: «Questo anniversario riguarda da vicino anche noi. Ricordarlo è importante proprio in questi giorni di tensione per il conflitto in atto in Siria e nel Medio Oriente”. 

Tra le tante iniziative di quel periodo la realizzazione di murales fu una delle più coinvolgenti. In Cile, durante la campagna presidenziale di Allende, la pittura murale divenne un fenomeno politico-culturale che richiamò l’attenzione del mondo intero. 

Dopo il colpo di stato molti cileni si rifugiarono all’estero e coloro che facevano parte delle "Brigadas muralistas" diedero vita anche nel nostro Paese a questa attività artistica. 

A Cinisello Balsamo, alla fine degli anni Settanta, vennero realizzati alcuni murales, come quello sulla parete del Palazzo comunale che, con la partecipazione di molti giovani della città, fu dipinto dalla "Brigada Pablo Neruda" per ricordare la Festa della Liberazione dal nazifascismo (proprio questo murale verrà restaurato nei prossimi giorni).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento